Baby K ft. Tiziano Ferro: Killer

Killer, dall’album “Una seria”, Baby K, 2013

Baby K ft. Tiziano Ferro Killer2

Due punti di vista sull’amore, due facce della stessa medaglia, probabilmente due killer (a turno), un solo cuore! Al di là del significato del testo, che ho trovato comunque divertente, (chissà se sarà anche efficace), mi ha incuriosito il titolo dell’album di questa nuova artista, Baby K.

“Una seria”, appunto; Claudia Nahum, all’origine, inneggia al girl power fra malizia e complicità. Anche il titolo dell’album, a detta di Baby K stessa, ha una doppia lettura: con esso intende sia il suo approccio al lavoro, all’essersi fatta da sola, alla serietà che vede in tante sue coetanee… Dall’altro lato è una provocazione al mondo del rap: un mondo non facile se sei donna, pieno di pregiudizi.

E brava Baby K, là proprio dove, nel rap, i testi sono il risultato di riflessioni personali, di cose vissute nel quotidiano, ma anche esercizi di stile; una comunicazione a 360°. Dopo La Pina (ormai quasi vent’anni fa) è la prima donna rapper italiana impegnata a raccontare la realtà di tutti, e non solo quella delle periferie.

Chissà se le varrà la rivincita della femmina “alfa”, quella a capo del branco, mentre denuncia: «Io non ci avevo mai pensato a quanto fosse strana una donna che rappa: sono state le critiche sul web che mi ci hanno fatto pensare. Con dolore».

Nata a Singapore, cresciuta a Londra, la giovane Baby K debutta nel mondo del rap già nel 2006, partecipando a molti album o mixtape di vari rapper. Dalle successive determinanti collaborazioni con Club Dogo e Max Gazzè, arriva direttamente in testa alla classifica di Itunes con questo brano, Killer, tratto dall’album “Una seria”, prodotto da Sony Music, Michele Canova Iorfida e Tiziano Ferro, presente quest’ultimo in ben tre brani dello stesso.

A dire la verità, stavolta non ho molto altro da aggiungere, sarà che al rapper femminile, vuoi per mancanza di fonti d’ispirazione o predilezione di altri generi musicali, non mi sono mai abituata. Non mi dispiacerebbe iniziare ad apprezzarlo, fosse la volta buona che anche in termini di produzioni, si cominciasse a puntare in alto!

Per la musica, questo e altro, come riporta anche la bellissima citazione latina apparsa nel video del singolo Killer di Baby K:

Meglio morire che non desiderare

Senza noi non siete niente
Senza noi voi siete perse
Ogni donna da sola vale
Ma ogni uomo fa da se bene o male uguale prima o poi
Killer

Piano B è lo scenario tipico
mi rincorri e con te non è stalking
Piano C hai consumato il rito e
senza fede la vita tua procede
Diserta il tuo nascondiglio e fatti guardare meglio
la gente pretende e vuole vedere la ragazza killer
Se io corro, tu mi segui
Se ritorno, ti risiedi
Sono il mostro, tu mi hai creato
un reato del cuore è il più grande peccato

a cura di Kuokoa

Articoli interessanti

The Swell Season: Falling slowly Falling slowly, tratta dal film Once con Glen Hansard e Markéta Irglová, 2008 Falling slowly è un bellissimo brano, vincitore di un Oscar nel 200...
Lykke Li: I Follow Rivers I Follow Rivers, tratto dall'album Wounded Rhymes, Lylkke Li, 2011 A soli 22 anni la svedese Lykke Li è una delle più giovani promesse dell'indie...
Man in the mirror Man in the mirror, Bad, Michael Jackson, 1987 La canzone è spesso citata nei riferimenti al risultato del cambiamento del corpo di Michael Jackso...
Tom Waits for the Morning Train Tom Waits, Urban Solitude, Anouk 1999 Un sogno, un gioco di parole, un incontro platonico e su tutto, la forza del pensiero. Che rende verità le fa...