Diana Winter al Plindo Summer Party

Condividi con i tuoi amici su:

Diana Winter ha incantato tutti i presenti con la sua voce e il suo splendido modo di suonare la chitarra. In apertura Leonardo Malaguti.

Diana Winter al Plindo Summer Party

Anche la seconda parte del Plindo Summer Party si è conclusa con gli straordinari set acustici di Leonardo Malaguti, prima, e Diana Winter dopo.

Diana Winter è cresciuta circondata da tanta musica: uno dei suoi primi ricordi è svegliarsi la mattina col suono del pianoforte suonato da sua madre.

Diana ha trascorso la sua infanzia a Firenze. A dieci anni iniziò a studiare chitarra classica, appassionandosi poi alla chitarra contemporanea e brasiliana. Ha iniziato a scrivere le sue prime canzoni da adolescente, lasciando gli studi classici e iniziando a cantare in un coro gospel. Negli anni successivi suonava regolarmente nei locali di zona, un repertorio dalla bossa nova al pop più contemporaneo, sempre in compagnia della sua fedele chitarra.

In quegli anni conobbe il produttore artistico Fabio Balestrieri, con il quale collaborò al mio suo album Escapizm, che è uscito quando Diana Winter aveva solo 22 anni. Nel disco parteciparono la leggenda del jazz Toots Thielemans, i fondatori della band inglese Level 42 Phil Gould e Mike Lindup, Neil Black, Miles Bould ed altri musicisti di fama internazionale.

Durante i concerti tra l’Italia e l’Europa di quel periodo, la splendida Giorgia ha ascoltato la sua musica invitandola a partecipare ad un featuring sul suo album Stonata e successivamente come vocalist nei suoi tour del 2009 e del 2012.

Nel 2013 Diana Winter partecipa a “The voice of Italy” ottenendo un ottimo riscontro sia dalla giuria che dal pubblico.

Ora posso testimoniare che la tv è più finzione che altro, anche se devo ammettere che è stata un’esperienza divertente. Non amo particolarmente il music business, perché non condivido molte delle dinamiche che lo governano. Amo solo la musica, e spero che a voi piaccia la mia.

Un ringraziamento speciale all’Associazione Diaframma Aperto per il fantastico supporto ad entrambe le serate con i loro bellissimi set fotografici e l’esposizione degli scatti più belli realizzati dagli studenti del corso: Alessandra Aprile, Antonio Desideri, Donatella Aprile, Elisa Falzone, Laura Parigi, Laura Passeri, Mariangela Giovannone, Martina Migliorini, Niccolò Ian Paperini, Rossella Neri, Susanna Silvestri.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Città italiane con gusti musicali simili Spotify svela i gusti musicali delle città italiane: Bologna e Firenze le più simili, Napoli a sé. Coldplay, Jovanotti, Ed Sheeran, Justin Bieber, Fedez sono tra gli artisti che spopolano in Italia, da Nord a Sud, passando per il Centro. Ma non tutti suonano la stessa musica: lo dimostra Spotif...
Intervista a Wena WENA, al secolo Valentina Gnesutta, nasce a Caserta, i suoi giocattoli sono gli strumenti musicali di suo padre Enzo, bassista e cantante blues. Già dall'infanzia la musica è parte della vita di Wena e grazie a suo padre gli stimoli sono stati da subito tanti e costanti. L'abbiamo intervistata ...
Intervista ai Gatti Mézzi Il duo pisano dei Gatti Mézzi fa tappa all’Auditorium Flog e, prima di salire sul palco, si racconta in un’intervista esclusiva ai microfoni di Plindo. I Gatti Mézzi, alias Tommaso Novi e Francesco Bottai, sono uno di quei gruppi che li ascolti una volta ed è subito amore. Sarà per il piglio de...
Festival di Sanremo: chi non muore si rivede! Il ciclo perpetuo del Festival di Sanremo e della Canzone Italiana. Non manca tanto. Ogni anno ritorna, come il figliol prodigo. Sebbene tutti, o quasi, alla vigilia orgogliosamente ce ne congediamo con una strafottente alzatuccia di spalla, il Festival di Sanremo, o come dovremmo realmente chi...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio