Facebook tra Cambridge Analytica e Elon Musk: la fine è vicina?

Condividi con i tuoi amici su:

Prima lo scandalo Cambridge Analytica, ora l’abbandono di Elon Musk: in casa Facebook il clima non è dei migliori. Che il social network per eccellenza sia a un passo dalla fine?

Facebook tra Cambridge Analytica e Elon Musk: la fine è vicina?

Inutile girarci attorno: lo scandalo Cambridge Analytica ha gettato Facebook in un vortice dal quale sembra sempre più difficile uscire. Dopo che Brian Acton, co-founder di Whatsapp, ha lanciato l’hashtag #deletefacebook, il social network fondato da Mark Zuckerberg ha visto dovuto sopportare un altro duro colpo. Elon Musk ha provveduto infatti a cancellare le pagine Facebook di Tesla e Space X, che vantavano migliaia di iscritti.

Insomma: sembra che i messaggi di scuse di Zuckerberg non siano stati sufficienti per riportare la pace in casa Facebook.

A tutto questo si aggiunge un ulteriore elemento. I dati mostrano un progressivo declino di Facebook in favore di social media più “visivi”, quali Instagram e YouTube. Elementi, questi, che hanno spinto commentatori o semplici utenti a profetizzarne l’imminente disfatta.

Da qui la domanda delle domande: Facebook è davvero sul punto di sparire?

A nostro avviso la risposta è negativa. No, Facebook non è sul punto di sparire. E questo per tantissimi motivi.

Per quanto sia in calo, non bisogna dimenticare che Facebook è il social network più diffuso al mondo, con circa 2 miliardi di utenti attivi. Questo significa che c’è una forte barriera all’uscita: difficilmente l’utente abbandonerà un servizio, se questo è usato da tutti i suoi amici e contatti. Insomma: la verità è che non c’è una reale alternativa a Facebook che ne possegga tutte le caratteristiche che lo hanno reso vincente.

Certamente, la piattaforma negli ultimi mesi sta attraversando una fase di crisi. Il fatturato non cresce più come un tempo; i continui cambi di algoritmo suscitano più di una preoccupazione negli investitori. E ora lo scandalo Cambridge Analytica è sulla bocca di tutti, portando alla luce del sole ciò che fino a pochi giorni fa era ignorato dalla maggioranza degli abituali utenti di Facebook. Ma da qui a parlare di fallimento del social la strada è ancora lunga.

Quel che è certo è che nei prossimi mesi Mark Zuckerberg dovrà gestire una patata bollente. Le scuse non bastano: dovrà passare dalle parole ai fatti, trovando un difficile equilibrio tra le rivendicazioni degli utenti e gli interessi delle aziende che hanno investito nella piattaforma.

Quanto a noi, semplici utenti o professionisti del social media marketing, non ci resta che attendere le evoluzioni della vicenda. O provare ad anticiparle, facendoci trovare preparati.

Un consiglio?

Impariamo a scegliere i giusti filtri e a fare qualche lavoretto di video editing. Ci torneranno utili in un futuro non molto lontano.

E tu che ne pensi di tutto questo? Il tuo parere è importante, faccelo sapere in un commento!

A cura di Daniele Mu

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Internet Festival 2012: presentazione Plindo Internet Festival: la rivoluzione digitale ha una lunga storia Internet Festival è una storia ricca di futuro ambientata in una città piena di eventi, incontri, confronti, spettacoli, esperienze, laboratori. Grazie agli interventi di 100 e più esperti, influencer, opinionisti, ricercatori, p...
I regali per San Valentino sono graditi? Consigli per gli acquisti online dei regali per San Valentino, idee regalo decisamente unconventional! Regali per San Valentino perchè sono attesi ma meglio se non i soliti fiori, almeno secondo una ricerca di Privalia, outlet di moda e lifestyle che ha indagato tra un campione rappresentativo ...
Influencer, visibilità e social network: facciamo chiarezza Fare l'influencer è un vero lavoro? È giusto essere pagati in visibilità? Cerchiamo di rispondere a tali domande e di spiegare cosa sia l'influencer marketing alla luce degli scontri tra Paul Stenson e Elle Darby. Come spesso accade nell'epoca dei social network, il mondo intero si è diviso su ...
Siamo geni, non matti: le abitudini delle grandi menti! Lo sai che ci sono ragazzini che riescono ad imparare 5 linguaggi di programmazione in alcuni mesi? Geni! Quelle che apparentemente sembrano bizzarrie da star, manie da prima donna, sono invece delle personali abitudini dettate da un solo desiderio: mantenere alta la creatività. Prima ancora ch...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio