I giovani non distinguono le notizie false su Facebook

Condividi con i tuoi amici su:

Bufale e dintorni, ovvero notizie false, ingannevoli, phishing, scam, spam. Diffondere le bufale è inutile, irrazionale e in alcuni casi, pericoloso.

I giovani non distinguono le notizie false su Facebook

Ormai internet è diventata una sorta di discarica. Proliferano i siti patacca, e piovono in continuazione bufale, mezze bufale, notizie vecchie spacciate per nuove, dichiarazioni di chicchessia come fossero notizia, notizie con foto non attinenti, persino scherzi che poi la gente prende per buoni. Il dramma è che poi questi siti siti prosperano e si arricchiscono alle nostre spalle.

Da quando Facebook è il posto più popoloso dopo il pianeta Terra, la condivisione di notizie false, di acchiappalike senza fondo di verità è all’ordine. La maggior parte dei teenager non è infatti in grado di distinguere una notizia vera da una falsa sui social, e tende a credere anche a quelle postate da inserzionisti pubblicitari.

La maggioranza dei giovani crede a tutto quello che legge su social. Lo afferma un rapporto pubblicato dall’università di Stanford sul proprio sito, basato su quasi ottomila studenti delle superiori e dei primi anni di università. Lo studio, spiega l’autore principale, Sam Wineburg, in un comunicato, era focalizzato su la capacità di analizzare le news lette sui siti, sulle bacheche di Twitter e Facebook, sui commenti dei lettori di forum ma anche su post e foto di blog privati.

Dalla ricerca è emerso ad esempio che l’82% degli studenti non è in grado di distinguere tra una vera notizia e un contenuto sponsorizzato, mentre il 40% ha legato automaticamente una foto di un cerbiatto con malformazioni a una notizia su Fukushima, anche se nell’immagine non c’era nessun accenno a dove fosse stata scattata.

Più di due terzi degli intervistati non ha trovato nessun motivo di dubitare di un post scritto da un dirigente bancario che affermava che i giovani hanno bisogno di piani finanziari, mentre solo un quarto del campione è stato in grado di distinguere il vero profilo Facebook di Fox News da uno fittizio.

Prima di condividere compulsivamente le notizie false sui social, pensate sempre che state regalando soldi a delle persone in mala fede, che hanno interessi particolari, economici o propagandistici. Se avete qualche dubbio, un veloce giro su Google è in grado di chiarire tutto.

Rendiamo questo luogo migliore. Grazie.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

La realtà virtuale è sempre più vicina, parola di Mark Zucke... Mark Zuckerberg: nuove esperienze arriveranno su facebook con la realtà virtuale! Ad accelerare il suo processo di realizzazione della realtà virtuale sarà una collaborazione, forse anche un po’ inaspettata, tra due colossi dei propri rispettivi settori: il Social network più popolare di tutti,...
IYDLIYAF: immagine di una vagina gigante dai colori ultra po... Come fa un’idea estemporanea – una vagina pop, dai tratti semplici e caramellosi - a trasformarsi da provocazione a brand di successo in tutto il mondo? Da Roma a Miami, passando per Parigi, Londra Tokio, Manila, Montréal, Rio, ecco la storia dell’adesivo più attaccato, discusso, censurato ed a...
Il profumo nella storia: le verità che non sapete Scopriamo la storia di uno dei gesti beauty più comuni, quello di vaporizzare il profumo sulla pelle. Sarà che, come diceva Yves Saint Laurent, “Il profumo è il fratello del respiro”. Annusare ci viene naturale, d'altronde l'olfatto è uno dei cinque sensi. Così, un po' per genetica un po' per c...
Lunga vita al Re… lax: recuperare le forze 6 semplici consigli per recuperare le forze e rilassarsi nei primi faticosissimi e stressantissimi giorni del 2015 “Oh no! Sta per finire Gennaio e mi sono già stancato dei buoni propositi! Al diavolo tutto!” Alzi la mano chi ha pensato almeno per una volta questa cosa (io l’ho alzata nonostant...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio