Gli arabi comprano il Castello di Sammezzano

Condividi con i tuoi amici su:

Il Castello di Sammezzano, classificato primo nei Luoghi del Cuore FAI 2016, è stato venduto agli arabi: ecco tutti dettagli della compravendita!

Gli arabi comprano il Castello di Sammezzano

Il Castello di Sammezzano a Reggello, raro esempio di architettura orientalista dell’800 per iniziativa di Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona, con tutto il complesso intorno, è stato provvisoriamente aggiudicato a una società degli Emirati Arabi che ha presentato in asta un’offerta da 15,4 milioni di euro.

Una grande dimora ottocentesca di ispirazione moresca che racchiude, fra le colline del Valdarno, coloratissimi mosaici in ceramica, cupole ad archi intrecciati, armonie geometriche e vegetali: è il Castello di Sammezzano.

Questo importante edificio della storia italiana si è classificato primo nei Luoghi del Cuore del FAI nel 2016, ottenendo oltre 50mila voti. Il castello è stato anche il set del film di Matteo Garrone “Il Racconto dei Racconti”, ma malgrado questo da diversi anni purtroppo riversa in un preoccupante stato di abbandono e ha quindi richiesto maggiori interventi per il finanziamento e il suo recupero.

Il Castello di Sammezzano è un’opera unica, amatissima quanto difficile da visitare perché di proprietà privata. Purtroppo per anni si è parlato di un suo possibile rilancio, mai andato in porto. Come spesso succede però, alla richiesta di aiuto per il salvataggio del Castello di Sammezzano ha risposto una società di Dubai, la Helitrope Limited che si è aggiudicata all’asta l’immobile con un valore di 15 milioni di euro.

Le istituzioni si sono rivelate soddisfatte del nuovo acquisto, dato che le ultime due aste erano andate a vuoto, anche se la priorità ora sarà chiarire le intenzioni della nuova società. L’obiettivo infatti sarà quello di garantire comunque l’apertura e la fruibilità del castello al pubblico, malgrado la proprietà privata.

Il Castello di Sammezzano, anche se ora riversa nelle mani della società di Dubai, rimane un simbolo della comunità locale e come tale le istituzioni continueranno ad impegnarsi per tutelarlo.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Vi aspettiamo a Pistoia! Non mancate! La manifestazione trampolino di lancio per i migliori artisti della scena indipendente e poi della scena emergente italiana e non solo. Quest'anno Plindo è Media Partner del Mei in occasione degli Oscar della musica indipendente Italiana, manifestazione che si terrà a Pistoia il 23 e 24 Novembr...
L’ultima generazione delle Haenyo, le sirene coreane Le haenyeo, ovvero “donne del mare” in coreano, da secoli si immergono e pescano in apnea nell’sola di Jeju, in Corea del Sud. Queste pescatrici di abaloni, ricci di mare e polpi rappresentano una tradizione che ha oltre 1.500 anni. Le haenyeo iniziano ad immergersi a dieci anni, imparando a sc...
Promuovere musica online con 25 milioni di brani… ma c... Promuovere musica non è da tutti. Sulla rete ci sono tantissimi portali musicali che hanno l’intento di promuovere musica nuova. Sono certamente portali molto ben strutturati, con grafiche avvincenti e funzionalità fantastiche. Su di essi si leggono slogan impressionanti come “20 milioni di bra...
Il peggio della musica pop italiana? Quando pensi che il peggio della musica sia già stato raggiunto, ecco che esce una nuova canzone che ti smentisce. Oppure no? Affermare che la musica non ha generi, che la musica è bella o brutta, peggiore o migliore di altra, è probabilmente un modo un po’ sbrigativo di criticare un'arte. In m...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio