Gli arabi comprano il Castello di Sammezzano

Condividi con i tuoi amici su:

Il Castello di Sammezzano, classificato primo nei Luoghi del Cuore FAI 2016, è stato venduto agli arabi: ecco tutti dettagli della compravendita!

Gli arabi comprano il Castello di Sammezzano

Il Castello di Sammezzano a Reggello, raro esempio di architettura orientalista dell’800 per iniziativa di Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona, con tutto il complesso intorno, è stato provvisoriamente aggiudicato a una società degli Emirati Arabi che ha presentato in asta un’offerta da 15,4 milioni di euro.

Una grande dimora ottocentesca di ispirazione moresca che racchiude, fra le colline del Valdarno, coloratissimi mosaici in ceramica, cupole ad archi intrecciati, armonie geometriche e vegetali: è il Castello di Sammezzano.

Questo importante edificio della storia italiana si è classificato primo nei Luoghi del Cuore del FAI nel 2016, ottenendo oltre 50mila voti. Il castello è stato anche il set del film di Matteo Garrone “Il Racconto dei Racconti”, ma malgrado questo da diversi anni purtroppo riversa in un preoccupante stato di abbandono e ha quindi richiesto maggiori interventi per il finanziamento e il suo recupero.

Il Castello di Sammezzano è un’opera unica, amatissima quanto difficile da visitare perché di proprietà privata. Purtroppo per anni si è parlato di un suo possibile rilancio, mai andato in porto. Come spesso succede però, alla richiesta di aiuto per il salvataggio del Castello di Sammezzano ha risposto una società di Dubai, la Helitrope Limited che si è aggiudicata all’asta l’immobile con un valore di 15 milioni di euro.

Le istituzioni si sono rivelate soddisfatte del nuovo acquisto, dato che le ultime due aste erano andate a vuoto, anche se la priorità ora sarà chiarire le intenzioni della nuova società. L’obiettivo infatti sarà quello di garantire comunque l’apertura e la fruibilità del castello al pubblico, malgrado la proprietà privata.

Il Castello di Sammezzano, anche se ora riversa nelle mani della società di Dubai, rimane un simbolo della comunità locale e come tale le istituzioni continueranno ad impegnarsi per tutelarlo.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Articolo su Rockol.it Rockol News: Musica Industria Un nuovo sito Internet italiano sviluppato dagli Head Studio Records di Firenze, plindo.com, consente di scaricare musica gratuitamente, legalmente, direttamente e senza alcun tipo di registrazione o log in. I gestori del portale lo definiscono come una "vetrina...
Tender Hearted: come innamorarsi della musica Insieme agli artisti di cui ti innamori alla prima occhiata, per via di un vero e proprio “colpo di fulmine”, ce ne sono altri che ti conquistano in maniera inaspettata come nel caso di Diana Winter con il suo nuovo album intitolato Tender Hearted. Può dipendere non solo dalla serietà con cui o...
Festival di Sanremo parte 2, la vendetta Il Festival di Sanremo sotto il segno di retorica e rigore A Fazio che reagisce "Buonista io? Che palle!" vorrei rispondergli "figurati noi" povero pubblico di addetto ai lavori, costretti a guardarti per dovere di cronaca! D'altronde, si sa, leggere le impressioni altrui non hanno niente a che...
Plindo e i Sixtynine al Reset Festival 2013 Più di 120 persone coinvolte nell’area media del Reset Festival 2013 danno vita a 11 ore di musica live e interviste in diretta sul web. Festival di musica emergente, il Reset Festival 2013 porta avanti il desiderio diffondere le nuove realtà musicali. Che, per una radio, diventa la volontà di ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!