Italia, il paese dove l’invidia trionfa?

Condividi con i tuoi amici su:

Siamo davvero affetti da quella malattia chiamata invidia?

Italia, il paese dove l'invidia trionfa?

Perchè la tendenza degli italiani è quella di criticare sempre in negativo l’operato degli altri? Perchè spesso ci limitiamo a guardare solo con estrema superficialità le cose anziché approfondire e cercare di capire? In Italia davvero trionfa l’invidia? Oppure è diffusa in egual modo in tutto il mondo?

La difficoltà delle persone ad andare oltre e cercare di capire qualcosa di diverso, è davvero grande. I più purtroppo si soffermano sull’aspetto più esposto dell’argomento senza scendere in profondità, arruolandosi il diritto di criticare e dare suggerimenti senza che nessuno li abbia richiesti. Tutto questo viene spesso si confonde con la libertà di pensiero.

La libertà di pensiero non ha niente a che vedere l’invidia. Ed è giustissimo che ognuno di noi abbia la libertà di esprimere ciò che pensa come meglio crede, tuttavia è allo stesso tempo consigliabile informarsi, approfondire e cercare di capire altrimenti si corre il rischio che la nostra libertà di pensiero sia fraintesa per invidia.

L’invidia nasce da un confronto tra noi e gli altri ed è sgradevole sia per chi la prova in prima persona che per chi la riceve. L’invidioso è una persona che desidera possedere ciò che altri hanno e che ritiene di non poter avere. Ci sono diverse tipologie di invidia.

La prima è quella rabbiosa, la più pericolosa. Spesso chi ne è affetto non prova nemmeno a chiedersi se ha capito bene. Critica impulsivamente a spada tratta qualsiasi cosa, con quella rabbia (e talvolta ignoranza) tipica di colui che ha disperatamente cercato di farcela nella vita senza mai riuscirci realmente.

La seconda tipologia di invidia è quella passiva, altrettanto pericolosa. Ne sono affetti quelli che provano un sentimento di invidia forte che però lo dimostrano con l’indifferenza più totale; quest’ultimi non muovono alcuna critica, semplicemente evitano di cooperare per non portare alcun tipo di vantaggio alla persona oggetto di invidia.

Il terzo e ultimo tipo di invidia è quella che affligge coloro che inizialmente, per esempio, fanno concretamente parte di un determinato progetto, dopodichè, allontanandosi da questo per le più svariate vicissitudini, lo criticano in maniera feroce, tuttavia, in incognito. Pericolosissimi.

E voi in quale tipologia di invidia vi ritrovate?

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

10 frasi che solo gli Italiani capiscono Vi siete mai chiesti quali sono le espressioni e i modi di dire tipicamente italiani, totalmente incomprensibili a una persona straniera? Noi italiani spesso utilizziamo espressioni che tradotte in un'altra lingua non vogliono dire assolutamente niente. Modi di dire che invece in italiano hanno...
Self publishing: pubblicare un libro senza editore Self Publishing: pubblica online il tuo libro col metodo più rapido e remunerativo del mercato editoriale italiano. A molti noi sarebbe piaciuto diventare uno scrittore, diventare famosi e farsi conoscere dal pubblico. In passato questa fortuna è stata riservata a pochi. Per poter essere pubbli...
Because I’m happy, tutto è concesso! Come dire "poichè sono felice", mi vesto come mi pare - parola di Pharrell Williams! Ma siamo sicuri? A suggerirci questa riflessione sono stati gli amici di RadioDeejay che hanno commentato il video di Pharrell Williams e il suo look alquanto originale, per non dire, un pò strampalato. Della s...
Arriva Sona, il sex toy più potente al mondo Amiche donne, non dovrete più lamentarvi se il vostro partner non è in grado di soddisfarvi: ci penserà Sona, il sex toy made in Sweeden! Il sesso, si sa, è una delle cose più belle che ci siano. Non è un caso, allora, che alcune imprese abbiano deciso di costruirci intorno un business. Lo abbi...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!