Le origini della festa della donna

Festeggiata per la prima volta in America, la Festa della Donna è ora celebrata in quasi tutto il mondo, ma la vera nascita di tale manifestazione non è ancora molto conosciuta. Ecco la vera storia.

Le origini della festa della donna

In pochi sanno perché la Giornata internazionale della donna (questo il nome ufficiale della ricorrenza), più comunemente chiamata Festa della Donna,  si festeggi l’8 marzo di ogni anno. La celebrazione è nata per ricordare sia le conquiste sociali e politiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze che il gentil sesso ha subito e subisce tuttora nel mondo. Le sue origini, tuttavia, sono lontane e risalgono ai primi anni del ‘900, quando iniziò ad essere festeggiata per la prima volta negli Stati Uniti.

La prima Festa della Donna fu un’iniziativa a chiaro stampo socialista. Durante la II Internazionale socialista infatti, i membri del Congresso spinsero per l’organizzazione globale di manifestazioni ed eventi che promuovessero la causa delle cosiddette “suffragette”, le donne impegnate per la lotta all’estensione del voto femminile. L’invito fu raccolto dal partito socialista americano che il 23 febbraio 1909 festeggiò la prima giornata ufficiale dedicata alla Donna.

In Italia la Giornata internazionale della donna si tenne per la prima volta nel 1922, per iniziativa del Partito comunista d’Italia, che la celebrò il 12 marzo, prima domenica successiva all’8 marzo. Il 16 dicembre 1977, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite propose a ogni paese di dichiarare un giorno all’anno la Giornata delle Nazioni Unite per i diritti delle Donne e per la pace internazionale e di comunicare la decisione presa al Segretario generale. L’Assemblea riconobbe l’8 marzo, che già veniva festeggiato in diversi paesi, come la data ufficiale.

La scelta della mimosa risale invece al 1946: le organizzatrici delle celebrazioni romane cercavano infatti un fiore che fosse di stagione e che costasse poco, e lo trovarono appunto nella mimosa.

Ci sono molte leggende che ruotano attorno alla Festa della Donna. La versione più conosciuta (ma altrettanto falsa) vorrebbe far risalire la giornata dell’otto marzo al ricordo del rogo di una non specificata fabbrica americana in cui perirono oltre un centinaio di lavoratrici che erano state chiuse dentro lo stabile per evitare uno sciopero. Benché l’episodio detenga una certa carica emotiva e simbolica, non è comunque la vera causa dietro l’origine di questa festa.

Articoli interessanti

Apple Music: finalmente lo streaming musicale È stato presentato il servizio Apple Music. Sviluppato non solo per iOS, partirà dal 30 di giugno al costo di 9,99 dollari. Era l'ora! Finalmente anche Apple si allinea ai vari Spotify, Deezer, Google Play Music All Access, Tim Music, Rdio, Napster, Tidal e così via offrendo un servizio di musi...
Fatto a mano: la tendenza handcraft che unisce l’Europ... Fatto a Mano: un aggettivo italiano per sottolineare la valenza della manualità creativa e l'eccellenza degli artigiani europei. La manualità creativa è ormai un fenomeno internazionale. Sempre più donne, ma anche uomini, si dedicano con entusiasmo all'arte dell'handcraft. Quello del fatto a ma...
The Boss: il nuovo singolo di Livia Ferri Il nuovo disco di Livia Ferri si rivela in un anno di brani, a 45 giorni di distanza l’uno dall’altro: Un cammino a tappe, intenso, personale, ma non solitario. Dopo due anni dolorosi, raccontati in “Taking Care” (2012), “A Path made by Walking” rappresenta il giorno dopo. Ci si rialza dai gior...
Il significato di anedonia musicale Alcune persone non amano la musica, sono indifferenti e ascoltandola non provano alcun piacere. Si tratta di una forbice variabile tra il 3 e il 5% della popolazione sana e il fenomeno è noto come anedonia musicale. Una spiegazione potrebbe risiedere nel fatto che il cervello è meno connesso e ...

social-network-following-popup

TI DIAMO UN BACIO SE CI SEGUI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!