Ecco nuovo Playboy: il figlio del fondatore Hefner ne rilancia l’immagine

Condividi con i tuoi amici su:

Cooper Hefner, figlio di Hugh Hefner, il creatore della storica rivista, in un’intervista all’Hollywood Reporter parla del suo tentativo di rilanciare l’immagine della mitica pubblicazione, guardando al presente e al futuro, più che al passato.

Ecco nuovo Playboy: il figlio del fondatore Hefner ne rilancia l'immagine

E allora pur recuperando una tradizione nella scelta di riproporre il nudo in copertina, il giovane Hefner, 25 anni, nell’assumere la direzione creativa di Playboy vuole prendere le distanze dall’immagine di ‘donnaiolo’ che il padre ha incarnato, conservandone però gli ideali di progressismo politico.

Cooper Hefner inoltre annuncia, tra le sue prossime iniziative, un biopic su Hugh Hefner e una nuova versione dello show televisivo degli anni ‘60 Playboy After Dark, condotto dallo stesso Hefner.

Hugh Hefner, pornografo di rottura, è morto all’età di 91 anni, circondato da amici e famiglia. Non è morto come è vissuto, a dire il vero, perché è vissuto circondato di tette finte e pubi rasati e in bella mostra.

Nel 1949, Hefner ha sposato la prima ragazza con cui ha fatto sesso nella sua vita: Mildred Williams. Era rimasto vergine per lei. Per tutti i due anni di corteggiamento non erano andati oltre qualche preliminare, cosa che a suo dire “non era inusuale per l’epoca.”

Durante il fidanzamento, Mildred gli aveva confessato di aver avuto una storia mentre Hefner faceva il militare e di non essere più vergine. “Dopo quella confessione, mi sono sempre sentito come se a letto con noi ci fosse sempre anche un’altra persona.” Dieci anni dopo la coppia ha divorziato e come per annegare il dolore causato dalla profondità di quel legame Hefner ha cominciato a trasformare la sua vita in una sequenza infinita di amplessi.

Nel 1989 si è sposato per la seconda volta, con Kimberley Conrad. Pare che non l’abbia mai tradita e i due sono rimasti insieme per 11 anni, avendo anche due figli. Quando si sono separati, lei e i figli si sono trasferiti nella casa accanto a quella di Hefner.

Nel 2012 si è sposato per la terza volta, con Crystal Harris, una donna di 60 anni più giovane che prima delle nozze aveva dovuto firmare un accordo in base al quale non avrebbe ereditato nulla del suo patrimonio.

Crystal Harris, tuttavia, è stata esclusa dal testamento del marito, Hugh Hefner. I due avevano siglato un accordo prematrimoniale che prevedeva l’esclusione di Crystal dall’eredità del milionario. Un matrimonio siglato in nome dell’amore, dunque.

Ma a chi andrà il patrimonio di Hugh? I beneficiari sono i 4 figli, la University of Southern California e alcuni enti di beneficenza. Tra questi soggetti verranno suddivisi i 43 milioni di dollari posseduti da Hefner al momento della morte.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Ci sei o ci fai? Quando la stupidità sana è necessaria 5 cose sceme da fare per sdrammatizzare la vita con un po’ di sana stupidità. Bene amici, rieccoci nello spazio degli Indiana Jones del nuovo millennio: le ultime volte ci siamo soffermati sui punti da tenere sotto controllo per mantenere fede a un obiettivo nel 2015 e per rilassarci nei moment...
Siamo geni, non matti: le abitudini delle grandi menti! Lo sai che ci sono ragazzini che riescono ad imparare 5 linguaggi di programmazione in alcuni mesi? Geni! Quelle che apparentemente sembrano bizzarrie da star, manie da prima donna, sono invece delle personali abitudini dettate da un solo desiderio: mantenere alta la creatività. Prima ancora ch...
Il significato di anedonia musicale Alcune persone non amano la musica, sono indifferenti e ascoltandola non provano alcun piacere. Si tratta di una forbice variabile tra il 3 e il 5% della popolazione sana e il fenomeno è noto come anedonia musicale. Una spiegazione potrebbe risiedere nel fatto che il cervello è meno connesso e ...
Sito rivoluzionario per la musica online E' nato un nuovo luogo rivoluzionario per la musica online. RIVOLUZIONARIO' Nato con lo scopo di riportare la musica ad una dimensione più concreta e fruibile ma anche appagante Plindo si è proclamato rivoluzionario non solo per la musica in se stessa, ma anche per gli artisti, sia band che soli...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!