The end of the f***ing world: ti piace vincere facile?

Condividi con i tuoi amici su:

Contagiato dal clima di euforia generale, ho deciso anche io di guardare The end of the f***ing world. Una serie tv pensata apposta per piacere a tutti, anche se con qualche ma di troppo. Vediamo perché!

The end of the f***ing world: ti piace vincere facile?

Con l’avvento di Netflix in Italia, le serie cult vanno e vengono di continuo. Ogni mese esce un nuovo prodotto che, per meriti oggettivi o accattivanti campagne di marketing, si impone come serie del momento. E io, da bravo serie tv addicted, non posso fare a meno che seguire il gregge. Perciò eccomi qui a parlare di The end of the f***ing world, tratta dall’omonimo fumetto di Charles Forsman e disponibile sulla piattaforma di streaming a partire dal 5 gennaio 2018.

The end of the f***ing world si inserisce nel filone teen drama che va tanto di moda negli ultimi anni. Protagonisti della serie sono due ragazzi, James e Alyssa. Psicopatico e con tendenze omicide lui, lunatica e annoiata lei. Poi l’incontro, l’amore (più o meno) e la fuga.

Insomma: una storia come tante altre, ma confezionata nel modo giusto. Un mix tra Skins, Shameless e 13 reasons why, con un pizzico di Bonny & Clide e una strizzatina d’occhio ad American born killers. È come se gli autori del fumetto prima, e della serie poi, si siano seduti a tavolino e abbiano creato un prodotto tarato su misura di quel sentimento di riscatto adolescenziale e di quell’odioso trend del “maiunagioia” di cui sono pieni i post Facebook dei teenagers di oggi (della serie: ti piace vincere facile?). Che poi, a pensarci bene, credo che le cose siano proprio andate così.

Se la storia in sé non è il massimo dell’originalità, ha almeno il pregio di chiudersi con un finale per certi versi inaspettato e coraggioso. Finale che spero non venga rovinato dalla possibilità di una seconda stagione, come alcuni rumors lasciano intendere.

Ma bisogna essere onesti e dare a Cesare quel che è di Cesare. The end of the f***ing world è una serie pensata per piacere. Non solo nella sceneggiatura ma anche nelle musiche, nella regia e nel montaggio.

La colonna sonora sprizza pubertà da tutti i pori: ci si potrebbe fare una playlist e farci i milioni. Altro che Calcutta! La regia è di alto livello: adrenalinica e frenetica, ma anche pacata e introspettiva all’occorrenza. La fotografia è un piccolo gioiello, con una cura maniacale della composizione delle inquadrature e una scelta cromatica decisamente british. Ottimo il montaggio, che conferisce un ritmo serrato e incalzante alle puntate.

E proprio il ritmo è uno degli elementi vincenti della serie. Le puntate durano appena 20 minuti e sono 8 in tutto – l’ideale per il binge watching. I tempi sono contingentati e ben gestiti, non ci sono momenti morti o cali nel ritmo: si va da un episodio all’altro senza nemmeno accorgersene, in un vortice di adrenalina. Da ciò si capisce come l’intera stagione sia stata pensata come un unico grande film e diviso poi in singole puntate. Certo, alla lunga queste ultime tendono a ripetere sempre lo stesso schema (dialogo tra James e Alyssa, situazione creepy, stacco musicale, dialogo interiore di James e Alyssa, risoluzione della vicenda, altro stacco musicale). E forse la resa sarebbe stata migliore se avessero realizzato un film. Ma hey, questa è l’epoca della serialità, per cui stacce.

Buona anche la prestazione attoriale dei due protagonisti, Alex Lawther e Jessica Barden, che, nonostante l’età (22 anni lui, 25 lei), sembrano a tutti gli effetti dei ragazzini. Carina anche la presenza di Gemma Whelan, alias la Yara Greyjoy di Game of Thrones.

Per concludere: The end of the f***ing world è una buona serie, senza infamia e senza lode. Fa il suo dovere, intrattiene e in alcuni passaggi riesce anche a far riflettere. È pensata per piacere ai più giovani perché fa leva – sempre in modo ironico e grottesco – sulle sensazioni che si provano durante l’adolescenza. E piace pure ai più grandi che, guardandola, non possono non ripensare con nostalgia a quegli anni passati tra i banchi di scuola.

Volete un consiglio? Guardatela a cuor leggero, senza aspettarvi nulla di eccezionale. E ricordatevi che il fatto che parlino tutti di una serie tv non la rende automaticamente la serie dell’anno.

Questa me la devo tatuare.

A cura di Daniele Mu

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Captain America – Civil War Captain America – Civil War rappresenta la svolta per i supereroi di casa Marvel, la cui stessa sopravvivenza è ora in pericolo. Ci siamo: dopo un’attesa interminabile, uno dei film più attesi degli ultimi anni è finalmente arrivato al cinema. Captain America – Civil War porta a compimento la tr...
True Detective: quando il cinema approda sul piccolo schermo Una stagione, otto puntate: tanto è bastato a True Detective per entrare nell'Olimpo delle serie cult. «If the only thing keeping a person decent, is the expectation of divine reward, then, brother, that person is a piece of shit». Questa frase rende perfettamente l'idea di che cosa sia True Det...
House of Cards – Stagione 5: il giocattolo si è rotto? Ripetitività, banalità, irrealismo: qualcosa in House of Cards sembra non funzionare più a dovere. E ora il futuro della serie sulla politica statunitense è più incerto che mai. House of Cards è una delle mie serie tv preferite di sempre. Insomma: come si fa a non amare una serie tv realizzata ...
Marvel’s Daredevil – Stagione 2 Dopo il successo della prima stagione, Marvel's Daredevil riesce a sorprendere ancora con un prodotto se possibile anche migliore del precedente. Che la Marvel sia al suo momento d'oro non è una sorpresa. Il suo cinematic universe si è esteso colonizzando tanto il grande quanto il piccolo scher...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio