The end of the f***ing world: ti piace vincere facile?

Condividi con i tuoi amici su:

Contagiato dal clima di euforia generale, ho deciso anche io di guardare The end of the f***ing world. Una serie tv pensata apposta per piacere a tutti, anche se con qualche ma di troppo. Vediamo perché!

The end of the f***ing world: ti piace vincere facile?

Con l’avvento di Netflix in Italia, le serie cult vanno e vengono di continuo. Ogni mese esce un nuovo prodotto che, per meriti oggettivi o accattivanti campagne di marketing, si impone come serie del momento. E io, da bravo serie tv addicted, non posso fare a meno che seguire il gregge. Perciò eccomi qui a parlare di The end of the f***ing world, tratta dall’omonimo fumetto di Charles Forsman e disponibile sulla piattaforma di streaming a partire dal 5 gennaio 2018.

The end of the f***ing world si inserisce nel filone teen drama che va tanto di moda negli ultimi anni. Protagonisti della serie sono due ragazzi, James e Alyssa. Psicopatico e con tendenze omicide lui, lunatica e annoiata lei. Poi l’incontro, l’amore (più o meno) e la fuga.

Insomma: una storia come tante altre, ma confezionata nel modo giusto. Un mix tra Skins, Shameless e 13 reasons why, con un pizzico di Bonny & Clide e una strizzatina d’occhio ad American born killers. È come se gli autori del fumetto prima, e della serie poi, si siano seduti a tavolino e abbiano creato un prodotto tarato su misura di quel sentimento di riscatto adolescenziale e di quell’odioso trend del “maiunagioia” di cui sono pieni i post Facebook dei teenagers di oggi (della serie: ti piace vincere facile?). Che poi, a pensarci bene, credo che le cose siano proprio andate così.

Se la storia in sé non è il massimo dell’originalità, ha almeno il pregio di chiudersi con un finale per certi versi inaspettato e coraggioso. Finale che spero non venga rovinato dalla possibilità di una seconda stagione, come alcuni rumors lasciano intendere.

Ma bisogna essere onesti e dare a Cesare quel che è di Cesare. The end of the f***ing world è una serie pensata per piacere. Non solo nella sceneggiatura ma anche nelle musiche, nella regia e nel montaggio.

La colonna sonora sprizza pubertà da tutti i pori: ci si potrebbe fare una playlist e farci i milioni. Altro che Calcutta! La regia è di alto livello: adrenalinica e frenetica, ma anche pacata e introspettiva all’occorrenza. La fotografia è un piccolo gioiello, con una cura maniacale della composizione delle inquadrature e una scelta cromatica decisamente british. Ottimo il montaggio, che conferisce un ritmo serrato e incalzante alle puntate.

E proprio il ritmo è uno degli elementi vincenti della serie. Le puntate durano appena 20 minuti e sono 8 in tutto – l’ideale per il binge watching. I tempi sono contingentati e ben gestiti, non ci sono momenti morti o cali nel ritmo: si va da un episodio all’altro senza nemmeno accorgersene, in un vortice di adrenalina. Da ciò si capisce come l’intera stagione sia stata pensata come un unico grande film e diviso poi in singole puntate. Certo, alla lunga queste ultime tendono a ripetere sempre lo stesso schema (dialogo tra James e Alyssa, situazione creepy, stacco musicale, dialogo interiore di James e Alyssa, risoluzione della vicenda, altro stacco musicale). E forse la resa sarebbe stata migliore se avessero realizzato un film. Ma hey, questa è l’epoca della serialità, per cui stacce.

Buona anche la prestazione attoriale dei due protagonisti, Alex Lawther e Jessica Barden, che, nonostante l’età (22 anni lui, 25 lei), sembrano a tutti gli effetti dei ragazzini. Carina anche la presenza di Gemma Whelan, alias la Yara Greyjoy di Game of Thrones.

Per concludere: The end of the f***ing world è una buona serie, senza infamia e senza lode. Fa il suo dovere, intrattiene e in alcuni passaggi riesce anche a far riflettere. È pensata per piacere ai più giovani perché fa leva – sempre in modo ironico e grottesco – sulle sensazioni che si provano durante l’adolescenza. E piace pure ai più grandi che, guardandola, non possono non ripensare con nostalgia a quegli anni passati tra i banchi di scuola.

Volete un consiglio? Guardatela a cuor leggero, senza aspettarvi nulla di eccezionale. E ricordatevi che il fatto che parlino tutti di una serie tv non la rende automaticamente la serie dell’anno.

Questa me la devo tatuare.

A cura di Daniele Mu

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

The Neon Demon – La rinascita di Nicolas Winding Refn Dopo il passo falso di Solo Dio perdona, il regista danese torna a stupire con The Neon Demon. Un thriller ai confini dell’horror, capace di mettere a nudo con precisione chirurgica le contraddizioni della società contemporanea. Nicolas Winding Refn è uno dei miei registi contemporanei preferit...
Silence: lo scontro di civiltà secondo Martin Scorsese Dopo averci lavorato per 28 anni, Martin Scorsese riesce finalmente a dirigere Silence, uno dei film più maturi – sebbene non tra i migliori – del regista italoamericano. Premessa: Martin Scorsese è probabilmente il mio regista preferito, quindi questa non sarà una recensione totalmente equilibra...
Lo chiamavano Jeeg Robot – Una speranza per il cinema italia... Prendete un anti-eroe, dategli dei superpoteri e buttatelo nelle strade degradate e violente di Roma: «Lo chiamavano Jeeg Robot» dimostra che l’Italia non ha niente da invidiare ai più blasonati film hollywoodiani. Sono anni difficili, questi, per il mondo del cinema. Hollywood vive una innegab...
Big Eyes: il ritorno in grande stile di Tim Burton A due settimane dall’uscita nelle sale di tutto il mondo possiamo dirlo: Big Eyes segna il ritorno in pompa magna di Tim Burton. Lo avevamo visto impantanarsi con Alice in Wonderland e cercare di tirarsi su con Dark Shadows: Tim Burton, uno dei registi più apprezzati degli ultimi decenni dall’i...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio