The Shape of Water: la fiaba, il diverso, l’amore

Condividi con i tuoi amici su:

Guillermo Del Toro torna al cinema con The Shape of Water. E con lui torna una poetica fatta di fiabe, gusto gotico, celebrazione del diverso e amore per il cinema. Scopriamo insieme pregi e difetti della nuova pellicola del maestro.

The Shape of Water: la fiaba, il diverso, l’amore

Se parlassi di questo, se lo facessi, che cosa vi direi?

Con queste parole si apre The shape of water, ultima fatica cinematografica firmata Guillermo Del Toro. Una fiaba gotica, di quelle a cui ormai ci ha abituato il regista messicano, destinata probabilmente a sbancare ai prossimi Oscar.

The shape of water è una fiaba nel senso più classico del termine. È una fiaba nella costruzione del racconto. È una fiaba nella dinamica narrativa. È una fiaba persino nei personaggi, nelle loro azioni, nella contrapposizione dicotomica tra bene e male. Infine, è una fiaba perché mette al centro l’amore e la sua forza travolgente che gli permette di superare ogni avversità.

E allora se parlassi di The shape of water, se lo facessi, che cosa vi direi?

Vi direi che è un film che merita di essere visto anche solo per la bellezza delle sue immagini. Una regia sublime, così aggraziata che ci si dimentica di trovarsi in una sala cinematografica e sembra di essere dentro al film. Una fotografia avvolgente, giocata sui toni dell’azzurro e del verde, che ricoprono un importante ruolo simbolico nella narrazione. Una colonna sonora delicata e toccante.

Vi direi che è un film dal profumo vintage, un vero e proprio tributo al cinema di altri tempi, ricco di citazioni e richiami, capace di giocare coi generi come solo un poeta della macchina da presa sa fare.

O vi dovrei parlare della potenza dirompente della fiaba? Della sua capacità di tenere col fiato sospeso il pubblico, di superare ogni barriera razionale e di arrivare direttamente al cuore? Del messaggio della pellicola, che è un messaggio di amore incontrastato e di riscatto per il diverso e l’emarginato? O non lo so, vi parlerei della crudeltà dell’uomo, del suo essere naturalmente votato alla volontà di dominare l’altro e di schiacciarlo, di controllare o distruggere ciò che non riesce a comprendere?

Se parlassi di The shape of water, se lo facessi, che cosa vi direi?

Vi direi che non è un film perfetto e che, anzi, è un gradino sotto il capolavoro assoluto di Guillermo Del Toro: Il labirinto del Fauno. Vi direi che mi sarei aspettato un impegno maggiore in fase di scrittura, che manca l’approfondimento del contesto storico-sociale che caratterizza le sue pellicole, che i personaggi sono piatti e unidimensionali, che la trama è così semplice e lineare che già dalle prime immagini si capisce perfettamente come andrà a finire. O vi parlerei di alcune punte di crudo realismo e di rivoltante violenza che spezzano bruscamente l’atmosfera sognante della pellicola e riportano lo spettatore alla desolante realtà.

Vi parlerei di tutto questo, sì.

Ma le parole non possono esprimere ciò che rappresenta questo film. Un film muto, in cui sono le immagini a comunicare e a dire più di mille parole. È giunto il momento che io taccia. Se volete sapere cosa è The shape of water, quale turbinio di emozioni mi abbia suscitato, quanto abbia adorato ogni singolo fotogramma, quanto mi abbia deluso ogni singola carenza, allora non vi resta che andare al cinema e lasciarvi travolgere dalla potenza delle immagini e dalla poetica di Guillermo Del Toro.

A cura di Daniele Mu

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Room – Un esperimento (quasi) ben riuscito Claustrofobico, d’impatto, crudo. Room è un film drammatico che trascina con sé lo spettatore, pur presentando vistose lacune nella narrazione. Room è un film del 2015 e diretto da Lenny Abrahamson. Trasposizione cinematografica del romanzo omonimo scritto da Emma Donoghue, la pellicola descriv...
Black Mirror – Terza stagione La spietatezza e la lucidità di Black Mirror la rendono una delle serie migliori mai realizzate. E, forse, sarebbe il caso di prestare attenzione al suo messaggio. Che le serie tv ormai non abbiano niente da invidiare al cinema – anzi: semmai a volte è il contrario – l’ho detto mille volte. E B...
Daredevil: finalmente giustizia è fatta In sole 13 puntate, la prima stagione di Daredevil targata Netflix fa dimenticare il film del 2003 e restituisce dignità ad uno degli eroi più snobbati dell’universo Marvel. Avete presente quell’aborto del cinecomics con Ben Affleck e diretto da Mark Steven Johnson? Ecco: dimenticatelo. Con la ...
IT – Il ritorno di Pennywise 27 anni dopo Avete presente la mini-serie del 1990 su IT? Dimenticatela. Dopo aver visto il film di Andrés Muschietti sarà come se non fosse mai esistita. “Che palle con questi reboot e remake”. “A Hollywood non hanno più idee”. “Perché scomodare film di culto rischiando di fare più male che bene?”. Quante ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio