Carolina Herrera: la stilista

Condividi con i tuoi amici su:

Carolina Herrera, che dal 1981 ad oggi, con ben due marchi all’attivo, non smette di donarci perle indimenticabili.

Carolina Herrera: la stilista

Nata a Caracas, in Venezuela, e naturalizzata statunitense, Carolina Herrera, nome completo Marìa Carolina Josefina Pacanins y Niño e conosciuta anche come Marchesa di Torre Casa, è rinomata in tutto il mondo per il suo stile e la sua eleganza, che l’hanno portata ad essere una delle stiliste più seguite e acclamate dei nostri tempi.

La sua casa di moda, che porta il suo stesso nome, è una vera icona di stile ed eleganza, che dona al mondo della moda perle indimenticabili e che nel 2008 ha lanciato anche un nuovo marchio, già amatissimo negli Stati Uniti: CH Carolina Herrera.

Ha presentato le sue collezioni autunno-inverno 14/15 alla New York Fashion Week, come anche quelle primavera-estate. Sono collezioni spiccatamente orientali, che trovano ispirazione nel Medio Oriente e nel Sol Levante, nell’abile mix tra copricapo squadrati e abiti in stile kimono giapponese, variopinti da stampe floreali e impreziosisti da make up e acconciature particolari, esotiche e molto articolate, ispirate anche loro al Giappone e agli spettacolari e raffinati ciliegi in fiore.

I colori, però, a sorprendere e deliziare, giocano di contrasto al clima caldo e orientaleggiante delle forme, con palette fredde, che annoverano i toni del grigio e del blu notte primi su tutti, movimentati da punte di arancione, ad accentuare ancora di più questo contrasto.

Il contrasto è senz’altro un tema ricorrente nelle collezioni dell’Herrera, che unisce geometrie ispirate ad architetture minimaliste, ma anche al folklore etnico di popoli lontani, senza però mai cadere nel banale, grazie al suo stile e alle sue indimenticabili e ancestrali influenze sudamericane, che insaporiscono ogni sua creazione.

Come previsto, le collezioni hanno riscosso, come sempre, un successo incredibile, soddisfacendo i gusti anche più esigenti, grazie ai tanti elementi così ben combinati tra loro. Standing ovation, dunque, per Carolina Herrera, che vede confermato il suo stile in maniera vincente e altrimenti non potrebbe davvero essere.

A chi, infatti, non piace un’eleganza così semplice e al contempo ricercata? Il pubblico femminile infatti continua ad apprezzare le sue creazioni, sia per quanto riguarda gli abiti di alta moda che gli accessori o le fragranze (qui puoi vedere quali sono in commercio), facendo registrare un boom di vendite soprattutto online, grazie anche all’apparizione di Michelle Obama, in abiti Carolina Herrera appunto, ad una cena di gala della Casa Blanca lo scorso febbraio.

L’arte prende il sopravvento quindi, senza scordare quelle che sono le necessità del mondo della moda, ma riuscendo comunque a unire architettura, antropologia e radici lontane senza mai risultare banale o forzato.

Le donne acquistano una femminilità sensazionale dentro gli abiti e i tailleur dell’Herrera, che sa sottolineare l’aspetto femminile senza frivolezza, ma anzi, donando un carattere forte e solido. Tutto trova il giusto posto, nelle collezioni di Carolina Herrera, che dal 1981 ad oggi, con ben due marchi all’attivo, non smette di donarci perle indimenticabili.

Articolo a cura di Susanna Giordani
Vuoi scrivere su Plindo? Clicca qui.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Nato in Italia , il brand salernitano produttore di camicie ... Nato In Italia lancia il nuovo sito internet e debutta nell’ecommerce Nato in Italia , il brand salernitano produttore di camicie ed abiti sartoriali made in Italy dallo stile unico ed irripetibile, debutta nell’e-commerce attraverso il lancio di un nuovo sito Internet dedicato alla vendita onl...
We Are Knitters: passione per l’uncinetto We Are Knitters è un’azienda spagnola tutta dedicata a chi ama maglia, uncinetto, ricamo e macramé. Pensatela come a una morbidissima terapia o come a un fashion statement. E immaginate voi stessi come i membri di una nuovissima community 2.0: è l’arte del knitting, lo sferruzzare a maglia e/o ...
Bikeconomy: Mobike stravolge il trasporto urbano Amsterdam ha più biciclette che abitanti. La bici è infatti al centro della strategia del trasporto urbano sta portando importantissimi benefici sociali, economici, di business. In Olanda stanno progettando una nuova autostrada delle bici tra Hoofddorp ad Aalsmeer, del valore di 15 milioni di e...
“Giuro che quest’anno lo faccio!”. Anno nuovo, vecchi propos... 5 consigli per rispettare i buoni propositi del nuovo anno. Ci siamo gente, i tappi di sughero sono stati lanciati sulla luna da una settimana ormai ed è tempo di promesse come sempre. Con il bicchiere di spumante in mano, abbiamo sentito una musica trionfale provenire dal nostro animo rivoluzi...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio