Cucinare insieme è una terapia d’amore

Condividi con i tuoi amici su:

Cucinare aiuta a ritrovare la passione di un tempo con il partner perché permette di confrontarsi regolarmente e vivere nuove emozioni insieme.

Cucinare insieme è una terapia d'amore

La relazione di coppia è un percorso in continua evoluzione, non sempre in discesa. Alla base delle crisi c’è in particolare la difficoltà a passare del tempo insieme. Ma quali sono i motivi? Il lavoro frenetico di tutti i giorni  gli impegni famigliari e la pigrizia del partner mettono in seria difficoltà la coppia.

Per ritrovare l’intesa tra i partner, dedicarsi alla preparazione di un primo piatto, magari a base di pasta all’uovo, è l’idea giusta perché unisce la manualità dell’uomo alla creatività della donna. Scegliere di cucinare una cena basata sulla dieta mediterranea è l’ideale, perché vengono esaltati i sapori cari ad entrambi.

Il sottofondo musicale è fondamentale quando si è ai fornelli. Rispolverare le canzoni che raccontano la storie della coppia, porta magia e più romanticismo alla serata.

Ma quali soni i principali benefici della Share-Cooking Therapy, ovvero del cucinare insieme? Innanzitutto aiuta a far comunicare i partner. Piatti semplici o sofisticati non fa differenza, realizzare un piatto insieme presuppone sinergia e coordinazione tra i partner. Questo avviene tramite sguardi, gesti e parole che fanno avvicinare le persone. Cucinare insieme permette di stimolare la fantasia e creatività della coppia, nonché entrare in contatto fisico con il proprio partner durante la preparazione dei piatti

La cucina in molti casi è uno spazio ristretto e i due partners sono costretti a stare vicini fisicamente. Per cui i corpi si girano attorno, si spostano e restano a fianco, come in una danza. I due partners devono collaborare, parlarsi da vicino e consultarsi. Si può fare anche un parallelo tra il piacere della cucina e l’eros: si osservano colori e forme, l’apparecchiatura e la disposizione della pietanza nel piatto, come si osserva il corpo e il portamento del partner. È seducente vedere come il proprio partner si concentra e si dedica a inventare qualcosa per creare un momento speciale.

Il mito del cioccolato non viene sfatato, ma per avere l’effetto afrodisiaco desiderato, spazio a frutta e verdura tra le pietanze. Gli ortaggi possono essere utilizzati all’interno di tutte le portate, la frutta nei secondi e nei dolci.

Ma secondo gli esperti quali sono i piatti che migliorano l’intesa tra i partner? La realizzazione di un primo rappresenta il piatto ideale per mettere alla prova la coppia regalandole quel tocco afrodisiaco con cui iniziare la serata. La manualità richiesta dalla preparazione della pasta fatta in casa, da accompagnare con del pesto o con verdure, secondo gli esperti è perfetta per migliorare l’intesa fisica della coppia.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Carolina Herrera: la stilista Carolina Herrera, che dal 1981 ad oggi, con ben due marchi all’attivo, non smette di donarci perle indimenticabili. Nata a Caracas, in Venezuela, e naturalizzata statunitense, Carolina Herrera, nome completo Marìa Carolina Josefina Pacanins y Niño e conosciuta anche come Marchesa di Torre Casa,...
WhatsApp e le due spunte blu (parte seconda) Marcia indietro di WhatsApp: spunte blu facoltative (ma solo per alcuni) Martedì scorso ho scritto della notizia della settimana: “WhatsApp e le due spunte blu”. E anche per questa settimana è fatta, dico. Certo, è già passata una settimana dalla loro apparizione, ma non posso non scriverci nie...
La nuova linea di Benetton firmata da Stella Jean Stella Jean è la stilista scelta da Benetton per la sua prima collaborazione con un designer esterno. La capsule disegnata da Stella Jean per United Colors of Benetton rielabora il concetto di maglieria con una collezione knitwear tutta al femminile ricca di sfumature e significati. Come sempre...
È possibile regolamentare lo skateboard in Italia? Lo skateboard è un extreme sport nato in California circa negli anni '60, inventato per permettere ai surfisti di praticare il proprio sport anche in assenza di mare mosso. Ecco come funziona in Italia. Salve a tutti, mi chiamo Mara (a dire il vero non è il mio vero nome, ma ormai tutti mi cono...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio