Eco-friendly e welfare solidale: è boom!

Condividi con i tuoi amici su:

“La chiamiamo Terzo Settore, ma in realtà è il primo”, queste le parole davvero significative che il Primo Ministro Matteo Renzi ha utilizzato per descrivere l’Italia “generosa e laboriosa” che opera nel campo del volontariato, delle associazioni no profit, del commercio equo e solidale e delle Onlus.

Il boom dell'eco-friendly e del welfare solidale

L’enorme importanza che questa realtà ha in Italia, ha portato il Premier a rendersi conto del bisogno di rilanciare questo settore con riforme che prestino ascolto a questi nuovi modi di fare economia e sostenere la società. È quindi finalmente giunto il momento del welfare solidale, dell’eco-friendly e dell’utilità sociale.

Ma cosa sono esattamente l’eco-friendly e il welfare solidale?

Sono manovre economiche che si basano sulle filosofie altruiste e non lucrative delle Onlus e che mirano a commercializzare prodotti che non hanno scopo consumistico, bensì umanitario e sociale.
Infatti, attraverso la vendita di gadget e prodotti di vario tipo, sia a livello nazionale che internazionale, le associazioni che si dedicano al commercio solidale mirano a raccogliere fondi finalizzati ad attività di aiuto sociale.

Si tratta oltretutto di prodotti eco-friendly, che quindi, oltre a rispettare le comunità e la società, rispettano anche l’ambiente, compiendo un’azione concreta in risposta al sempre più grave allarme ambientale.

A differenza di quello che si può pensare, sono moltissime le occasioni in cui questo tipo di realtà entrano a contatto con la vita quotidiana, magari rendendo una spesa che si sarebbe comunque dovuta – o voluta – affrontare anche un gesto di solidarietà e beneficenza.

La spesa di tutti i giorni, ad esempio, può essere affrontata in maniera equo-solidale, acquistando prodotti che propongono questo tipo di commercio, come ad esempio il cioccolato, la frutta, le marmellate, oppure vino e pasta. Sono moltissimi le associazioni Onlus che producono prodotti solidali e in maniera sostenibile.

E la stessa cosa vale per i vestiti: la moda è sempre più incentrata non solo nel produrre i propri capi in maniera equo-solidale, ma anche utilizzando materiali e macchinari di produzione eco-friendly, ossia a favore dell’ambiente, rispettandolo e sfruttando tessuti biologici e naturali.

Altro modo per contribuire, può essere costituito da iniziative come quelle che associazioni come la Lega del Filo d’Oro hanno pensato di offrire; si tratta di esempi come partecipazioni o bomboniere perfette per ogni tipo di cerimonia: battesimo (come queste), cresima, fino ad arrivare a laurea e matrimonio.

Nel caso di matrimonio ad esempio, si può prendere in considerazione anche l’idea di optareper un vestito da sposa equo-solidale ed eco-friendly, appunto, o di impostare tutta la cerimonia all’insegna del biologico e del welfare solidale, magari proponendo un pranzo a base di alimenti biologici o equo-solidali, per rendere il vostro giorno ancora più speciale.

Articolo a cura di Susanna Giordani
Vuoi scrivere su Plindo? Clicca qui.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

A Natale siamo tutti più… miopi! Occhiali! Si avvicina il periodo delle feste: donare oggetti utili è sempre la scelta migliore, e gli occhiali sono un'ottima idea regalo! Le feste si avvicinano. Cene con parenti, l’alberello con i nastri, le lucine per tutta la città, le persone fastidiose che corrono da un negozio all’altro manco foss...
Espadrillas: la scarpa dell’estate. Scopri la versione... Inossidabili espadrillas, tornano di moda le scarpe con suola in corda e tomaia in tela di yuta o cotone, nate nelle zone rurali della Spagna e divenute celebri negli anni Settanta ai piedi degli hippy. Un tempo considerate delle scarpe da indossare solo in spiaggia o al massimo in località mar...
Il Natale che immagini Quando il natale è solo un modo in più per immaginare una vita ideale. In questi giorni mi sto interrogando sul perché molti di noi, me compreso, col passare degli anni non vivano più le festività e il natale con lo spirito di pace e serenità che queste dovrebbero evocare. Guardiamo con espress...
La nuova linea di Benetton firmata da Stella Jean Stella Jean è la stilista scelta da Benetton per la sua prima collaborazione con un designer esterno. La capsule disegnata da Stella Jean per United Colors of Benetton rielabora il concetto di maglieria con una collezione knitwear tutta al femminile ricca di sfumature e significati. Come sempre...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio