Opere d’arte rubate: ritrovato il “Bambino Malato”

Condividi con i tuoi amici su:

Il “Bambino malato” di Medardo Rosso è stato ritrovato tre giorni dopo in un armadietto della stessa GNAM

Opere d'arte rubate: ritrovato il "Bambino Malato"

Guardare il telegiornale e apprendere che sotto il naso di vigilanti e telecamere è stata rubata un’opera d’arte, per gli studiosi del settore è sempre un colpo al cuore. Trafugare materiale (scultoreo, pittorico, archeologico o di qualunque tipo esso sia) è un danno non solo economico, per chi lo aveva in custodia, ma anche e soprattutto culturale: è un atto gravissimo per l’intera collettività, che viene privata di un patrimonio, di un pezzo unico e irripetibile.

Il pomeriggio del 5 dicembre scorso è stata la volta del “Bambino malato” dell’artista torinese Medardo Rosso, custodita presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma. Secondo quanto dichiarato alle forze dell’ordine, il sistema d’allarme e le telecamere erano perfettamente in funzione. Sin da subito si sono attivati i Carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale, visionando i filmati delle telecamere e applicando tutti gli accertamenti necessari per ricostruire le modalità del furto. A sorpresa, la storia ha avuto il suo lieto fine la mattina dell’8 dicembre, con il rinvenimento della testa di bronzo avvolta in alcuni fogli di giornale in uno degli armadietti all’ingresso del museo, utilizzati dai turisti per riporre borse e zaini.

Nella storia dei furti di opere d’arte il caso senz’altro più clamoroso rimane quello della Gioconda, rubata dal Louvre nel 1911 da Vincenzo Peruggia, gesto dettato più che altro da uno stupido patriottismo (fu lo stesso Leonardo a portare la famosa opera in Francia). Ma non sempre per queste storie vi è un happy ending, anzi: nella banca dati del Comando dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale possiamo trovare la descrizione di quasi 1 milione e 100 mila oggetti trafugati. Numeri che fanno riflettere.

Quello della difesa del patrimonio (e della memoria) di una comunità è un compito arduo, scoraggiato da cittadini poco civili ma a volte anche dalla giustizia stessa. A far cadere le braccia sono sentenze come quella deliberata nel 2004, che assolveva un signore a cui erano stati sequestrati 28 reperti archeologici: tra le motivazioni si leggeva che “di anfore, piatti di terracotta, crateri e vasi, manufatti di vario genere, sono pieni i nostri mari e la nostra penisola”. Dovrebbe essere un quotidiano scandalo rubare pezzi di arte, pezzi di storia, perché siamo persone civili solo quando rispettiamo il nostro stesso passato.

A cura di Giada Divulsi

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Mangiare e bere a Milano durante la Fashion Week Quali sono i locali più cool di Milano dove mangiare durante la Fashion Week fra una sfilata e una presentazione degli stilisti più di tendenza? La moda non sfila solo in passerella: anche lo street style detta le tendenze di stagione. Durante la settimana della moda le strade di Milano vengono...
10 regali per chi ha già tutto Sciarpe, cravatte e profumi: dimenticate i classici regali… tutto ciò che gli italiani vogliono ricevere quest’anno è un’esperienza da vivere! I box gift con i buoni per turismo, cene o cucina esistono da tanti anni ma questo è l'anno del boom. Possediamo troppe cose? Abbiamo decisamente tutto?...
Mario Martone, Elio Germano e il Giovane Favoloso Presentato in concorso alla 71ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, “Il giovane Favoloso” continua ancora a riscuotere successo tra il pubblico Sabato era una di quelle fredde serate d’autunno in cui non hai assolutamente voglia di fare niente se non startene in casa sotto ...
Espadrillas: la scarpa dell’estate. Scopri la versione... Inossidabili espadrillas, tornano di moda le scarpe con suola in corda e tomaia in tela di yuta o cotone, nate nelle zone rurali della Spagna e divenute celebri negli anni Settanta ai piedi degli hippy. Un tempo considerate delle scarpe da indossare solo in spiaggia o al massimo in località mar...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio