Anathema live @ Alcatraz, Milano

Condividi con i tuoi amici su:

Me l’avevano detto: vedere dal vivo gli Anathema è un’esperienza catartica che ogni appassionato di musica dovrebbe compiere almeno una volta nella vita.

Anathema live Alcatraz, Milano

Gli Anathema sono una band inglese in attività dal 1990, capace di passare dal doom metal a un mix di progressive-alternative-post rock. Oddio, scritto così è un bel macello. Etichette a parte, il gruppo propone un sound etereo ed avvolgente in cui il fattore decisivo è l’emotività: gli intrecci vocali di Vincent Cavanagh e Lee Douglas, i fraseggi e gli arpeggi di chitarra, i tappeti di tastiere. Per non essere travolto dalle emozioni devi essere una specie di Gargoyle.

Mea culpa: questo è stato il mio primo concerto degli Anathema, nonostante li segua da diversi anni. Mi rendo perfettamente conto che la setlist non è stata delle migliori, decisamente squilibrata a favore dell’ultimo album, “Distant Satellites”, che per quanto carino ho trovato decisamente sottotono rispetto ai loro standard; e mi ha lasciato veramente allibito la presenza di John Douglas che, sostituito (in parte) alla batteria dall’ex (in parte) tastierista Daniel Cardoso, ha passato quasi due ore a picchiettare di tanto in tanto il timpano diventando parte integrante della scenografia.

Ma che ci volete fare, per tutta la durata del concerto ho avuto la pelle d’oca. Hanno sfondato una porta aperta, da qualche parte dentro di me – e di tutto l’Alcatraz – e hanno fatto irruzione. In alcuni momenti ho dovuto trattenere la lacrimuccia, lo confesso.

La band, in perfetta forma, ha suonato senza sbagliare un colpo. Notevoli le prestazioni dei già citati Vincent e Lee, ma anche la chitarra di Danny è stata impeccabile. Pregevole l’inserimento di uno dei pezzi più amati dai fan, “Are you there?”, suonata per l’occasione interamente in acustico, così come il secondo encore con l’evergreen “Fragile dreams” che, pare, non sentiremo più dal vivo. Non voglio sapere quanti bambini sono stati concepiti durante le due “Untouchable”.

Insomma: poteva andare meglio sicuramente, ma artisti di questo calibro sono proprio incapaci di fare male qualcosa anche se si impegnassero. E poi si sa, “la prima volta non si scorda mai”.
Infine, vorrei spendere anche due parole sugli opener: gli austriaci Mother’s Cake. Chiunque abbia partecipato a una lezione di musica sa che le prime massime che l’insegnante di turno dirà sono: “Quando scrivete una canzone scegliete un tempo, date una struttura semplice e piazzateci un ritornello orecchiabile”.

Ecco, probabilmente i Mother’s Cake quel giorno erano assenti. E hanno fatto benissimo: il loro sound è un crossover tra progressive rock, funky, blues e mille altre cose ancora. Prendete Jimi Hendrix, aggiungetegli un pizzico di Stevie Ray Vaughan e James Brown, una spruzzata di Jeff Buckley e Red Hot Chili Peppers, condite a piacere con cambi di tempo e passaggi che metteranno a dura prova la tenuta del vostro sistema nervoso, et voilà! Il piatto è servito.

Veramente un’ottima band, un po’ penalizzata dall’acustica – ma era davvero difficile fare di meglio – che non mancherà di far parlare di sé nella scena.

Daniele Mu
Capo Redattore

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Gatti Mézzi w/ Betta Blues Society @ Auditorium Flog, Firenz... Serata pisana all’Auditorium Flog: il blues dei Betta Blues Society e il jazz dei Gatti Mézzi chiudono al meglio la stagione del locale fiorentino. Il caldo ormai è arrivato, l’estate è alle porte, e come ogni anno finisce la stagione dell’Auditorium Flog. La chiusura è col botto ed è tutta tar...
Be Forest w/ Welcome Back Sailors @ Glue Viaggio tra elettronica e dream pop con i Welcome Back Sailors e i Be Forest, tra le (giovani) realtà più convincenti del panorama indipendente italiano. Quella di sabato 31 gennaio 2015 è stata una serata all’insegna della musica indipendente. A calcare il palco del Glue (via Manfredo Fanti 20...
Opeth + Alcest live @Alcatraz, Milano Gli Opeth e gli Alcest sono tra i più importanti nomi della musica contemporanea. Nella loro unica data italiana hanno letteralmente devastato il pubblico. Mentre scrivo ho ancora i postumi della serata di ieri: gambe distrutte, schiena a pezzi, collo e testa doloranti, gola in fiamme. E tant...
Pain of Salvation live @ Crossroads (Roma) Quando la tecnica incontra l’emozione nascono grandi cose. A due anni di distanza dall’ultimo evento, i Pain of Salvation tornano in Italia con un mini-tour indimenticabile. Nonostante non amino definirsi “progressive”, i Pain of Salvation sono sicuramente una delle band più affermate nello sce...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio