PFM: Celebration Day @ Obihall, Firenze

In occasione del quarantennale de «L’isola di niente» la PFM regala uno show spettacolare all’Obihall di Firenze.

PFM: Celebration Day @ Obihall, Firenze

Avere davanti la storia della musica italiana, lì, a pochi metri, non è cosa che capita tutti i giorni. Ed è una sensazione fantastica, perché è come se anche tu entrassi a farne parte seppur solo per due ore. Nessuna scenografia ingombrante, nessun effetto pirotecnico, solo un palco spoglio e qualche luce: perché quando una band ha questo spessore è in grado di reggerlo con la sua sola presenza.

La PFM, tra i gruppi cardine della musica progressive italiana, ha celebrato una data importante della propria carriera con un live unico: sono stati riprodotti (quasi) interamente i primi tre album – Storia di un minuto, Per un amico/Photos of Ghosts, L’isola di niente – e non sono mancate alcune piacevoli sorprese da PFM in Classic. Neanche i crampi al polso che hanno colpito “Frank” Mussida hanno impedito di confezionare uno show di altissimo livello, capace di coniugare l’epicità dei brani eseguiti con l’ironia e il divertimento forniti dal «mestierante» della band, Franz Di Cioccio.

In quelle due ore il pubblico è stato catapultato indietro fino agli anni ’70 e ha respirato l’atmosfera dei più grandi successi: da Impressioni di settembre a La carrozza di Hans, da Il banchetto a via Lumière, passando per Promenade the puzzle e La danza dei cavalieri che hanno dimostrato – se mai ce ne fosse stato bisogno – che bastano una chitarra, un basso, una batteria, le tastiere e un violino per far tremare un intero teatro. Con buona pace dei gruppetti pseudo-metal degli ultimi anni.

La serata si è conclusa, come ci si poteva aspettare, con l’ormai intramontabile Celebration: se fino a quel momento gli spettatori erano stati seduti, in silenzio religioso e in completa adorazione, pendenti dalle note di violino e chitarra classica, con l’ultimo brano non hanno potuto fare a meno di alzarsi, battere le mani, ballare e cantare all’unisono uno dei ritornelli più famosi della musica italiana, trasformando un concerto in una festa di paese.

Un plauso va al pubblico: mi aspettavo di vedere l’Obihall al completo, ma non di trovare così tanti giovani accanto a persone adulte ed anziani. E forse proprio questo è l’aspetto importante che fa della PFM uno dei grandi nomi della storia mondiale: la capacità di creare una musica senza tempo, infinita, eterna, che unisca generazioni differenti e a volte lontane.

So che i puristi storceranno il naso contestando che «non è la formazione storica» e che «ormai dovrebbero ritirarsi», ma mi importa ben poco. Avrei preferito anche io assistere all’esibizione con Pagani, Premoli e Fabbri ma i più “giovani” Bonetti, Scaglione e Gualdi hanno dimostrato di essere all’altezza del ruolo ricoperto. E per me, che sono solo un ragazzo e li ho visti per la prima volta, è stata un’esperienza indimenticabile. Non mi resta che chiudere gli occhi, fare un respiro profondo e rivivere quei momenti che rimarranno impressi nella memoria.

«E leggero il mio pensiero vola e va. Ho quasi paura che si perda».

A cura di Daniele Mu
Capo Redattore

Articoli interessanti

Incubus @ Forum Mediolanum (Milano) Musica, psichedelia e un pubblico che canta all’unisono: queste sono le tre caratteristiche del concerto degli Incubus al Forum Mediolanum di Assago. Trentadue ore che non dormo, e anziché collassare sul letto mi trovo al PC a scrivere questo live report. Perché? Semplicemente perché, dopo il c...
Steven Wilson @ Auditorium Conciliazione (Roma) Steven Wilson non sbaglia un colpo e ammalia il pubblico di Roma: in un mix di adrenalina, brividi e lacrime, l’artista e la sua super-band ripercorrono i migliori momenti di tutta la carriera. Steven Wilson non ha certo bisogno di presentazioni per un pubblico di addetti ai lavori. Cantante, c...
Madonna, il sorprendente Rebel Heart Tour di Torino Il Rebel Heart Tour del 19 novembre al Pala Alpitour di Torino è stato, ahimè, solo il mio terzo concerto di Madonna ma a differenza dei precedenti non ho potuto godermelo fino a poco prima, come avrei voluto. Dai tragici eventi di Parigi in primis, uniti a preoccupazioni personali (come quando...
Elio e le storie tese live @ Nelson Mandela Forum (Firenze) Gli Elio e le storie tese sono una delle migliori band italiane in circolazione, e l’hanno confermato con un live completo di musica, cabaret e satira. Seguo gli Elii da ormai una decina d’anni e, per un motivo o per l’altro, non ero mai riuscito a vederli. Capirete la gioia quando, finalmente,...
  • Gio’

    Fabbri non c’era… e tu c’eri??

    • Luca

      ma a quale concerto eri tu?

  • Gio’

    all’obihall a firenze. Al Celebration Day. Fabbri noon c’era perché era a a X factor, Ho parlato con Gualdi che mi ha anche detto che senza Fabbri a X factor cade tutto a pezzi…

    • Daniele Mu

      Ciao!
      Scusami, evidentemente ho sbagliato nome perché. L’abitudine a sentire il suo nome nei loro ultimi tour avrà tirato un brutto scherzo 😉
      Non mi sembra comunque il caso di scaldarsi per un semplice refuso: provvederemo a correggerlo il prima possibile. Spero che almeno il resto del reportage sia di tuo gradimento e che anche tu, come me, ti sia divertito quella serata.

      • Gio’

        Non mi sono scaldato, solo che leggere una recensione dove è citato un musicista non presente mi pare un po’ superficiale (per la cronaca il violinista che si è esibito a Firenze si chiama Alessandro Bonetti). Pe r uno come me che li ha visti una ventina di volte… 🙂

        • Daniele Mu

          Grazie per la segnalazione, provvederemo a correggere il nome appena possibile 😉
          Come scritto nell’articolo, era purtroppo la prima volta che vedevo la PFM dal vivo (anche perché ho solo 23 anni!) e, non avendo esperienze “passate”, mi sono affidato alla line-up ufficiale che ho trovato online. Di sicuro non era mia intenzione fare un torto a Fabbri o Bonetti!
          Rimane comunque che è stato un evento memorabile, e mi ha fatto molto piacere vedere tanti ragazzi giovani. Non me l’aspettavo, onestamente.

social-network-following-popup

TI DIAMO UN BACIO SE CI SEGUI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!