Professione musicista: si, ma di lavoro cosa fai?

La dura battaglia per l’affermazione del ruolo.

Professione Musicista - Plindo

Nella vita di ogni musicista, il tempo deve essere impiegato bene. Non esiste una giornata troppo corta, od inversamente, troppo lunga. La vita è uno stato mentale ed è questa una delle condizioni ottimali con cui organizzare il tempo, gestendone i momenti di entusiasmo o di inattività e difficoltà espressiva. Affermare il proprio ruolo nella musica può diventare lampante dentro di noi in un attimo. Se nell’anima sappiamo chi siamo, cosa vogliamo o cosa stiamo diventando, il difficile è comunicarlo al resto degli uomini. Allacciandoci all’argomento della settimana scorsa, Thomas Edison ci ricorda che “Il genio è uno per cento ispirazione e novantanove, sudore”. Il sudore non nasce solo dalla fatica di conquistare una virtù con lo studio, ma anche dalla complessità di trasformare successivamente la passione in un lavoro per la vita. E spesso non è questo il passaggio più semplice.

Il tempo sembra essere sempre troppo poco, specialmente quando le cose che stai perseguendo ne richiedono tanto. La Musica è una di queste. Richiede una dedizione speciale, attenzione quotidiana e soprattutto tanto cuore. Ci sono ragazzi di quindici anni che frequentano il liceo classico per metà della giornata, dopo pranzo – una volta a casa – studiano per quattro ore il proprio strumento (che se si tratta di chitarra classica o violino non è certo una passeggiata) e si preparano anche per il compito di greco o latino del giorno seguente.

Per almeno tre pomeriggi alla settimana, poi, sono in Conservatorio a studiare materie complementari che vanno ad integrare la loro preparazione. A questo vanno sommate tutte le attività orchestrali a cui partecipano e gli svariati organici da camera di cui fanno parte. Non ultimi i concerti, che richiedono viaggi, ed anche altre spese a carico delle stesse famiglie che già supportano i musicisti in erba: dai dieci anni di età, infatti ci si deve abituare a sostenere il rapporto con il pubblico, imparando  a convivere con lo stress da perfomance artistica. Le loro giornate sono sempre di ventiquattro ore.

Capiamo bene come dieci anni, se bastano, per formarsi e che trascorrono con questo ritmo possano formare una disciplina interiore ed un equilibrio mentale che non è appannaggio di tutti sostenere. E le privazioni non sono poche, perché appunto la vita dedicata alla musica è fatta di scelte a lungo termine da cui spesso scaturiscono molte rinunce per tante piccole grandi cose, ed anche necessarie, nella vita di un adolescente.

Questa che segue è uno storia vera, ma riferimenti a fatti e persone sono da ritenersi puramente casuali.

Un musicista in erba diventa un ragazzo, la società gli fornisce, ed anche richiede di possedere, un riscontro della propria identità nero su bianco. Deve fare un documento valido in Europa. Un giorno, forse, questo gli permetterà l’accesso a confini di nazioni in cui potrà suonare. Si reca presso l’ufficio comunale di riferimento più vicino al luogo dove abita. Si mette in coda, attende il suo turno. “Bene. Dunque: nome cognome data di nascita cittadinanza”.

Risposte che scorrono sulla base insindacabile di un altro documento dei genitori. “Residenza, si … bene! È stata cambiata, questa è la comunicazione, perfetto!”. Fin qui non ci piove. “Lavoro?” prosegue come una macchina da scrivere automatica. “Io sono un musicista”. Pausa, silenzio e fronte corrucciata dell’impiegato, che da dietro gli occhiali si interroga su quella strana parola. “Come?”. Altro piccolo attimo di silenzio. “Sono un musicista” ripete. “Si, ho capito. Va bene, ma nella vita cosa fai?” incalza oltre il vetro con il dito a mezz’aria l’impiegato, come se stesse sostenendo un enorme punto interrogativo. “Gliel’ho detto, io sarei un musicista”.

L’uso del condizionale ed il tono leggermente più basso potrebbe intenerire l’imperterrito interlocutore, ma niente! Lui, dritto come un fuso, prosegue il suo terzo grado: “Si, ma di lavoro intendo, di lavoro, cosa fai? – ed incalza – la-vo-ro! Sai, alzarsi la mattina, definire un fatturato, uno stipendio eccetera eccetera … quindi?!?”. “Suono il violino”. Per essere più convincente gli mostra la schiena a metà. La custodia portata in spalla incarna la tanto ardita traduzione del mestiere sotto forma di parola. “Ahhh, suoni il violino: ziiiin ziiiin (imitando un gatto morto che ulula alle stelle) allora mi dispiace: non si può scrivere musicista, non è una professione”.

Non è costruire una professione trascorrere quindici anni in simbiosi con un pezzo di legno di 400 grammi che vibra e risuona come l’universo? No, non lo è. E’ una magia, nella sua inconsapevolezza l’impiegato ha ragione. “Allora scriva quello che vuole, non so. Scriva idraulico od avvocato, cosa posso dirle”. Titubanza, pupille degli occhi che cercano l’autorizzazione del collega. Poi, infastidito dal tono di sfida, l’impiegato scrive Musicista. Occhi, capelli, e statura sono dettagli che passano distratti; mette un timbro e consegna la carta d’identità.

Questa è una storia vera. E che si ripete migliaia di volte. In altri modi, altre forme, altre violenze. Perché? Perché essere musicisti, è essere privilegiati? C’è una forma di invidia, di competizione sociale in atto verso chi sceglie di fare il musicista? O forse una specie di commiserazione? La questione da sviscerare adesso è lunga, ma i motivi sono ben chiari e riconducibili a diversi decenni indietro, del perché tutti gli artisti (e specialmente i musicisti) sono ritenuti davvero, almeno entro i confini nazionali, dei perdigiorno e persone che non lavorano. Poche righe sopra, abbiamo letto quanto sia impegnativo un lavoro come questo, quanto studio ed applicazione richieda. Ed abbiamo speso superficialmente solo due parole riguardo alla formazione. Immaginate il resto ed il tempo delle conferme: è una jungla emotiva, e non solo.

Oggi vorrei terminare – come sempre – con un finale allegro, con una battuta pungente. Ma non ne ho voglia.

A cura di Lorenzo Maiani

ATTENZIONE: ti piacerebbe leggere articoli più specifici per musicisti? Allora clicca qui.

Articoli interessanti

La musica e la forchetta: amore a prima vista – parte 3. Come Plindo, tante cose sono state fatte con amore a Firenze. Firenze era l'asse ed il fulcro artistico su cui buona parte del pianeta intellettuale girava. Immaginando tutto il movimento in corso negli animi, nelle botteghe artigianali e nella strade la visione non doveva essere troppo diversa...
L’ispirazione musicale: la favola del colpo di genio L’ispirazione è figlia della conoscenza o del caso? Carissimi lettori e frequentatori di PLINDO, l’anno sta volgendo al termine. Sicuramente - se state leggendo - il mondo non è finito, per fortuna. Si, perché stare su questo pianeta, tutto sommato, è un bel divertimento. Le parole del poeta france...
La musica invisibile: la parte nascosta dell’iceberg &... Breve viaggio nella musica invisibile. L'iceberg, come tutti sappiamo, è un enorme blocco di acqua allo stato solido. Il nome deriva dalla parola olandese “ijesberg” che significa letteralmente montagna di ghiaccio.  La densità del ghiaccio puro è inferiore a quella dell'acqua di mare: ciò perm...
Musicisti, lettori e fotografi allo sbaraglio! L'incomprensibile ascesa del professionista “home - made”. La musica è un bene comune. Quando un bene è di tutti, come più volte abbiamo sottolineato, tutti dobbiamo concorrere al fatto di mantenerlo dentro livelli accettabili di dignità. Uno spazio verde pubblico, per esempio, è di tutti ed an...
  • Alessandro

    Condivido in toto il pensiero di Lorenzo Maiani. Purtroppo oltre alle umiliazioni nella vita di tutti i giorni ci sono anche quelle interne al ‘sistema musica’ italiano. Se un musicista classico è già soggetto a battute e frecciatine non riuscireste mai ad immaginare qual’è la sorte di chi decide di studiare ‘Jazz’. Gli insulti e le discriminazioni partono già all’interno dei conservatori. Mi permetto di fare questa osservazione perché avendo affrontato i due percorsi non ho potuto fare a meno di notare la palese differenza di trattamento.

    • Claudio

      Alessandro condivido ancor di più questa visione. Io frequento il triennio di laurea in Pianoforte Jazz, e già le discriminazioni partono dalla segreteria, quando accordano solo i bei pianoforti a coda che ci sono nel primo piano, dediti alla musica classica, e lasciando 5 pianoforti per 10 classi, tutti verticali con tasti non funzionanti e rigorosamente scordati, al piano dedito agli studenti di Jazz, poi ai professori che denigrano gli studenti, mi è capitato addirittura di avere commenti di commissioni di professori di musica classica ai miei esami di Improvvisazione in stile anni ’20 (già ridicolo che fosse presente una commissione con determinati professori in un esame del genere) dicendomi che sono superficiale e gioco perchè suono jazz, e per farlo non studio e per me è un gioco. Per poi non parlare degli alunni classici che ci reputano la feccia del conservatorio e ancora peggio gli alunni del mio corso, il 50% non ha idea di chi sia Miles Davis e sono li solamente per prendersi un pezzo di carta. Infine farei una bella carrellata di commenti positivi sui professori scolastici che, una volta che sanno che frequenti e ti spacchi il deretano per fare il triplo lavoro di tutti gli altri, al posto di incoraggiarti cercano in tutti i modi di ostacolarti. Che bella l’Italia!

  • matt

    Papà voglio fare il musicista, si va bene, ma tienilo come hobbies…. siamo in italia, se non si tratta di cibo, macchine o calcio bisogna uscire dall’itslia, sinceramente, che vi adpettate nel paese più ignorante del mondo?

  • Tommaso Napoli

    Premesso che sono d’accordo sul fatto che i musicisti meritano più rispetto, diciamo anche che non tutti quelli che suonano sono musicisti… così come non tutti i laureati in lettere sono poeti…

    • Luca

      Bravissimo! Condivido in pieno!

  • Tommaso Napoli

    Aggiungerei anche in risposta a Claudio che è vero che i docenti dovrebbero incoraggiare gli allievi. Ma attenti: molti studenti sono capaci di suonare ma non riusciranno mai a far carriera in campo musicale. Meglio un docente onesto che te lo dice in faccia piuttosto che uno che, pur di farti pagare le rette, ti illude. Insisto: tutti possono e devono suonare, per hobby e per passione, ma fare il musicista non è cosa per tutti. Ed è meglio scoprire che non si ha abbastanza talento o preparazione in tempo piuttosto che trovarsi a 30 anni con niente in mano.

social-network-following-popup

TI DIAMO UN BACIO SE CI SEGUI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!