Believe

Condividi con i tuoi amici su:

Believe, “Believe”, Justin Bieber, 2012

Believe

Nel luglio del 2012 “Believe” è uno dei brani di Justin Bieber entrati a far parte della colonna sonora delle Olimpiadi di Londra. Di canzoni sul tema ne è piena la discografia mondiale, ma meritare un tale riconoscimento spetta veramente a poche elette.

Che siano il merito o qualcos’altro a renderlo possibile, non vuole essere argomento di discussione in questa sede. D’altronde, al di là della mia insofferenza per l’opinabile spessore di certe espressioni artistiche, non posso che ammirare il giovane Bieber, già in grado di suonare con disinvoltura chitarra, pianoforte, batteria e tromba, e che si legge, vorrebbe imparare a suonare il violino. E’ anche risaputo che Justin Bieber venga spesso criticato per la sua musica, la sua immagine e l’attenzione riservatagli dai media.

Certo è che “credere”, oltre all’illusione, può rappresentare spesso anche l’unica fonte di salvezza.  Nel testo di Bieber è la fiducia dell’altro che lo solleva dall’autodistruzione. E’ comunque una bella fonte d’ispirazione e una premessa importante per ogni impresa, che si tratti di affrontare un’Olimpiade o semplicemente di vivere le proprie scelte quotidiane.

Anche se la canzone non è certo una di quelle da lasciare il segno, si può sempre imparare qualcosa. In questo caso mi piace tenere a mente una frase in particolare che cita: “It didn’t matter how many times I got knocked on the floor, but you knew one day I would be standing tall”.

Come dire anche “Credete a chi cerca la verità, non credete a chi la trova”.

I don’t know how I got here 

I knew it wouldn’t be easy 
But your faith in me was so clear 
It didn’t matter how many times I got knocked on the floor 
But you knew one day I would be standing tall 
Just look at me now 

Cause everything starts from something 
But something would be nothing 
Nothing if your heart didn’t dream with me 
Where would I be, if you didn’t believe 
Believe… 

a cura di kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

You would never wholly know you  You would never wholly know you, Marilyn Monroe (1926-1962) You would never wholly know you, Marilyn! Più che una citazione, per chi conosce anche solo un pò la storia di Marilyn Monroe, salta agli occhi subito come un'amara e tacita predizione di ciò che sarebbe stato il suo destino, come un pr...
Sting: Fragile Fragile, dall'album Nothing like the sun, Sting, 1987 Fragile è una dedica, ispirata ad un fatto reale e davvero significativo per la storia politica e sociale dell'umanità. La canzone è un omaggio a Ben Linder, ingegnere civile americano ucciso dai Contras nel 1987 mentre lavorava su un progetto...
Tormentone estate 2013? E voi avete già scelto il vostro Tormentone estate 2013? Tanti portali di musica, ma anche siti generici, si sono già ampiamente dibattuti sull'argomento, propinando, come all'arrivo di ogni estate, i loro sondaggi sull'argomento. Come sempre molti i favoriti sia per posizione in classifica ...
Indigo Girls: Blood and Fire Blood and Fire delle Indigo Girls, dall'album Strange Fire, 1987 Le Indigo Girls sono un duo folk rock americano, formatosi nel 1985 in Georgia e costituito da Amy Ray e Emily Saliers. Attualissime e attivissime discograficamente (almeno fino al 2011 con l'ultimo album "Beauty Queen Sister") e ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio