Believe

Believe, “Believe”, Justin Bieber, 2012

Believe

Nel luglio del 2012 “Believe” è uno dei brani di Justin Bieber entrati a far parte della colonna sonora delle Olimpiadi di Londra. Di canzoni sul tema ne è piena la discografia mondiale, ma meritare un tale riconoscimento spetta veramente a poche elette.

Che siano il merito o qualcos’altro a renderlo possibile, non vuole essere argomento di discussione in questa sede. D’altronde, al di là della mia insofferenza per l’opinabile spessore di certe espressioni artistiche, non posso che ammirare il giovane Bieber, già in grado di suonare con disinvoltura chitarra, pianoforte, batteria e tromba, e che si legge, vorrebbe imparare a suonare il violino. E’ anche risaputo che Justin Bieber venga spesso criticato per la sua musica, la sua immagine e l’attenzione riservatagli dai media.

Certo è che “credere”, oltre all’illusione, può rappresentare spesso anche l’unica fonte di salvezza.  Nel testo di Bieber è la fiducia dell’altro che lo solleva dall’autodistruzione. E’ comunque una bella fonte d’ispirazione e una premessa importante per ogni impresa, che si tratti di affrontare un’Olimpiade o semplicemente di vivere le proprie scelte quotidiane.

Anche se la canzone non è certo una di quelle da lasciare il segno, si può sempre imparare qualcosa. In questo caso mi piace tenere a mente una frase in particolare che cita: “It didn’t matter how many times I got knocked on the floor, but you knew one day I would be standing tall”.

Come dire anche “Credete a chi cerca la verità, non credete a chi la trova”.

I don’t know how I got here 

I knew it wouldn’t be easy 
But your faith in me was so clear 
It didn’t matter how many times I got knocked on the floor 
But you knew one day I would be standing tall 
Just look at me now 

Cause everything starts from something 
But something would be nothing 
Nothing if your heart didn’t dream with me 
Where would I be, if you didn’t believe 
Believe… 

a cura di kuokoa

Articoli interessanti

Sade: King of sorrow King of sorrow dall'album "Lovers rock" di Sade Adu, 2000 Non vi nascondo che ho trovato qualche difficoltà a reperire foto in buona qualità dell'artista in questione, Helen Folasade Adu, di padre nigeriano e madre britannica, ai più nota come Sade. Di lei si sa veramente poco, anche Wikiped...
Rock is back and it’s heading you way Rize of the Fenix, Tenacious D, 2012 Fate anche voi del motto della fenice ("dopo la morte torno ad alzarmi") la vostra ispirazione. Non c'è musica più bella di uno sfogo di energia, di uno stimolo alla sopravvivenza. Sicuramente la prima condizione dell'immortalità è la morte. ...e la libe...
Rimedi contro il caldo 2013? Singin’ in the rain Singin' in the rain dei The Jive Aces, 2006 Sapete già come affrontare l'ondata di calore tropicale dei prossimi giorni? O meglio a quali rimedi contro il caldo sareste disposti a ricorrere? Lasciate perdere condizionatori, fazzoletti ghiacciati, fughe al Polo, etc. Noi di Plindo non potevam...
My Evolution is to Shoot for the Stars The King is dead but the Queen is alive, The Truth about Love, Pink, 2012 La regina è sopravvissuta perchè non si accontenta, e così continua la sua evoluzione. Perchè sia davvero tale, non serve trovare "di più", quanto cercare "di meglio". E puntare alle stelle è il minimo che si possa fare ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!