The Swell Season: Falling slowly

Condividi con i tuoi amici su:

Falling slowly, tratta dal film Once con Glen Hansard e Markéta Irglová, 2008

Glen Hansard falling slowly

Falling slowly è un bellissimo brano, vincitore di un Oscar nel 2008, tanto convincente da superare la disputa sul fatto che fosse già stata pubblicata ed esibita in pubblico prima dell’uscita del film. Colonna sonora per molti di noi ancora attratti dall’idea dell’amore romantico, quasi cavalleresco, anche se non ricambiato fino in fondo, anche se nato (lentamente) a prima vista.

E parte del successo di Falling slowly (come di tutto il film) è dovuto anche all’interpretazione dei due protagonisti, Glen Hansard e Markéta Irglová, innamorati e musicisti nel film e nella vita (The Swell Season è il nome del duo con il quale si esibiscono dal vivo): “Mi ero innamorato di lei molto tempo prima, ma continuavo a ripetermi che era solo una bambina”.

E’ Glen Hansard stesso a spiegare in una parola, bellissima e efficace quanto rara, di cosa racconti il pezzo: redenzione. A parte il brano di Bob Marley sono davvero pochi i momenti in grado di richiamarmi alla mente questo concetto. E il farlo adesso in un contesto avulso da quello più prettamente “storico-religioso” in cui l’aveva scritta Marley, mi permette di riscoprirla sotto una nuova luce, attuale e ricca di significato per me.

Redenzione include riscatto e liberazione; e per ogni storia d’amore degna di essere raccontata, assume il senso della riscoperta dell’altro, della seconda chance prima che sia troppo tardi. Il passaggio che mi sorprende di più per la sua leggiadria insieme alla sua forza, sono i versi finali “Raise your hopeful voice you had a choice” e ancora “sing your melody, I’ll sing it loud” che sottintendono anche al significato più intimo della vera redenzione: il rispetto della scelta e il sacrificio per l’altro.

Non sono uno di quelli che non credono all’amore a prima vista, ma preferisco sempre dare una seconda occhiata.

Falling slowly
eyes that know me
and I can’t go back
wounds that take me
and erase me
and I’m painted black

well you have suffered enough
and warred with yourself
it’s time that you’ve won

take this sinking boat
and point it home
we’ve still got time
raise your hopeful voice
you had the choice
you’ve made it now

falling slowly
sing your melody
I’ll sing it loud

a cura di kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Lykke Li: I Follow Rivers I Follow Rivers, tratto dall'album Wounded Rhymes, Lylkke Li, 2011 A soli 22 anni la svedese Lykke Li è una delle più giovani promesse dell'indie pop mondiale. Comincia a diventare sempre più popolare tra gli appassionati di musica indipendente grazie alle sue partecipazioni al Coachella Valley...
Asaf Avidan: One Day/Reckoning Song One Day/Reckoning Song è la resa dei conti per Asaf Avidan Scritta alla fine di un'altra storia, in un momento di quelli che sembrano poter pronunciare solo parole d'odio, rancore e tristezza, questo brano stupisce per la sua amara dolcezza tanto da confondere le idee. Ad un primo ascolto spensiera...
Robert Pattinson: Let me sign Let me sign, dalla saga di Twilight, 2008 Mi è capitato di recente di partecipare ad una serata fra amici dedicata alla visione completa della saga di Twilight e rimanere colpita da un brano in particolare della colonna sonora, dal titolo "Let me sign". E' successo che in un primo momento no...
Save the Best For Last Best for last, "Adele19", Adele, 2008 Tenersi il meglio per la fine anche se solo agognato procura sempre un piacere indefinito. Il meglio per la fine è ciò che conta di più ma serve anche a tralasciare tutto ciò che di meno buono lo ha preceduto. Il meglio per la fine è lo stimolo per andare a...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!