The Swell Season: Falling slowly

Condividi con i tuoi amici su:

Falling slowly, tratta dal film Once con Glen Hansard e Markéta Irglová, 2008

Glen Hansard falling slowly

Falling slowly è un bellissimo brano, vincitore di un Oscar nel 2008, tanto convincente da superare la disputa sul fatto che fosse già stata pubblicata ed esibita in pubblico prima dell’uscita del film. Colonna sonora per molti di noi ancora attratti dall’idea dell’amore romantico, quasi cavalleresco, anche se non ricambiato fino in fondo, anche se nato (lentamente) a prima vista.

E parte del successo di Falling slowly (come di tutto il film) è dovuto anche all’interpretazione dei due protagonisti, Glen Hansard e Markéta Irglová, innamorati e musicisti nel film e nella vita (The Swell Season è il nome del duo con il quale si esibiscono dal vivo): “Mi ero innamorato di lei molto tempo prima, ma continuavo a ripetermi che era solo una bambina”.

E’ Glen Hansard stesso a spiegare in una parola, bellissima e efficace quanto rara, di cosa racconti il pezzo: redenzione. A parte il brano di Bob Marley sono davvero pochi i momenti in grado di richiamarmi alla mente questo concetto. E il farlo adesso in un contesto avulso da quello più prettamente “storico-religioso” in cui l’aveva scritta Marley, mi permette di riscoprirla sotto una nuova luce, attuale e ricca di significato per me.

Redenzione include riscatto e liberazione; e per ogni storia d’amore degna di essere raccontata, assume il senso della riscoperta dell’altro, della seconda chance prima che sia troppo tardi. Il passaggio che mi sorprende di più per la sua leggiadria insieme alla sua forza, sono i versi finali “Raise your hopeful voice you had a choice” e ancora “sing your melody, I’ll sing it loud” che sottintendono anche al significato più intimo della vera redenzione: il rispetto della scelta e il sacrificio per l’altro.

Non sono uno di quelli che non credono all’amore a prima vista, ma preferisco sempre dare una seconda occhiata.

Falling slowly
eyes that know me
and I can’t go back
wounds that take me
and erase me
and I’m painted black

well you have suffered enough
and warred with yourself
it’s time that you’ve won

take this sinking boat
and point it home
we’ve still got time
raise your hopeful voice
you had the choice
you’ve made it now

falling slowly
sing your melody
I’ll sing it loud

a cura di kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

I love you because I love you because, Elvis Presley, 1956 Nello scorrere le liriche di Elvis Presley per questa mia rubrica sono rimasta subito colpita dal titolo e dalla bellezza disarmante di "I love you because". Eppure le premesse non sembravano confermare la mia scelta come la più azzeccata. Leggo che il br...
The Space Between The space between, Everyday, Dave Matthews Band, 2001 Laddove si perdono i confini, dove non si oserebbe infliggere il coltello nella piaga, dove si vive ogni volta come se fosse l'ultima. Celebrazione di un equilibrio spazio-uomo dove si affrontano le proprie debolezze per sperimentare i sogni...
Marco Mengoni: L’Essenziale L'Essenziale è vincere, anche per Marco Mengoni! L'essenziale, per dirla con Marco Mengoni, non è più solo partecipare ma vincere. E' da tempo che è così e anche se il nostro Marco sa essere così modesto e umile da risultare davvero credibile, siamo sicuri sia certamente più contento dall'alt d...
Asaf Avidan: One Day/Reckoning Song One Day/Reckoning Song è la resa dei conti per Asaf Avidan Scritta alla fine di un'altra storia, in un momento di quelli che sembrano poter pronunciare solo parole d'odio, rancore e tristezza, questo brano stupisce per la sua amara dolcezza tanto da confondere le idee. Ad un primo ascolto spensiera...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio