Django Unchained: Who did that to you!

Condividi con i tuoi amici su:

“Who did that to you” (John Legend), tratta dal film “Django Unchained” di Quentin Tarantino, 2012

Django Unchained_Plindo

Il brano “incriminato” per la sua forza trascinante porta il titolo “Who did that to you”. Tanto per sottolineare il calibro degli artisti coinvolti, interprete dalla voce penetrante e tagliente è John Legend; compositore, un certo Paul Epworth, quello di “Rolling in the Deep” (Adele).

Il film è l’ultimo di Quentin Tarantino, “Django Unchained” dove la colonna sonora diventa protagonista dentro le scene, enfatizzandole fino a dettarne il corso. Tutti i brani catturano l’attenzione dello spettatore, già duramente provata (per chi non è proprio un “Tarantino addicted”) dall’incalzare di scene “irresistibilmente” cruente.

E il brano “Who did that to you” in particolare, giunge come un sollievo nella svolta risolutiva del film, ad accompagnare Django nella sua corsa finale verso la vendetta. Che si trattasse di una voce nera, in completa simbiosi con la scena del film, non ne avevo dubbi, meno scontata la scoperta del suo autore dato che non lo seguo affatto.

Insieme a Freedom (di Anthony Hamilton con Elayna Boynton), il brano di John Legend è emozione pura!

Il sentimento della vendetta è così grato, che spesso si desidera d’essere ingiuriato per potersi vendicare, e non dico già solamente da un nemico abituale, ma da un indifferente, o anche, massime in certi momenti d’umor nero, da un amico.

Now I don’t take pleasure in the man’s pain,
But my rage will come down like the cold rain.
And there won’t be no shelter, no place you can go.
So put your hands up, time for surrender,
I’m a vigilante, my law’s defender,
You’re a wanted man, here everybody knows.

You better call the police, call the coroner,
Call up your priest, have it for you.
Walk in no peace when I find that fool
Who did that to you, yeah,
Who did that to you, my baby,
Who did that to you,
Gotta find that fool who did that to you.

a cura di Kuokoa

 

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Lykke Li: I Follow Rivers I Follow Rivers, tratto dall'album Wounded Rhymes, Lylkke Li, 2011 A soli 22 anni la svedese Lykke Li è una delle più giovani promesse dell'indie pop mondiale. Comincia a diventare sempre più popolare tra gli appassionati di musica indipendente grazie alle sue partecipazioni al Coachella Valley...
I love you because I love you because, Elvis Presley, 1956 Nello scorrere le liriche di Elvis Presley per questa mia rubrica sono rimasta subito colpita dal titolo e dalla bellezza disarmante di "I love you because". Eppure le premesse non sembravano confermare la mia scelta come la più azzeccata. Leggo che il br...
Rock is back and it’s heading you way Rize of the Fenix, Tenacious D, 2012 Fate anche voi del motto della fenice ("dopo la morte torno ad alzarmi") la vostra ispirazione. Non c'è musica più bella di uno sfogo di energia, di uno stimolo alla sopravvivenza. Sicuramente la prima condizione dell'immortalità è la morte. ...e la libe...
Carry on and have FUN. Carry on, Some nights, FUN., 2012 E' da un pò che uno dei loro ritornelli riecheggiava ostinato nell'aria ed ora arrivano a sorprendermi con un nuovo brano, più melanconico ma con la stessa forza persuasiva, dal titolo "Carry on". Un pò Mika, un pò Queen, e dunque tutti da scoprire (nella lo...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio