Django Unchained: Who did that to you!

Condividi con i tuoi amici su:

“Who did that to you” (John Legend), tratta dal film “Django Unchained” di Quentin Tarantino, 2012

Django Unchained_Plindo

Il brano “incriminato” per la sua forza trascinante porta il titolo “Who did that to you”. Tanto per sottolineare il calibro degli artisti coinvolti, interprete dalla voce penetrante e tagliente è John Legend; compositore, un certo Paul Epworth, quello di “Rolling in the Deep” (Adele).

Il film è l’ultimo di Quentin Tarantino, “Django Unchained” dove la colonna sonora diventa protagonista dentro le scene, enfatizzandole fino a dettarne il corso. Tutti i brani catturano l’attenzione dello spettatore, già duramente provata (per chi non è proprio un “Tarantino addicted”) dall’incalzare di scene “irresistibilmente” cruente.

E il brano “Who did that to you” in particolare, giunge come un sollievo nella svolta risolutiva del film, ad accompagnare Django nella sua corsa finale verso la vendetta. Che si trattasse di una voce nera, in completa simbiosi con la scena del film, non ne avevo dubbi, meno scontata la scoperta del suo autore dato che non lo seguo affatto.

Insieme a Freedom (di Anthony Hamilton con Elayna Boynton), il brano di John Legend è emozione pura!

Il sentimento della vendetta è così grato, che spesso si desidera d’essere ingiuriato per potersi vendicare, e non dico già solamente da un nemico abituale, ma da un indifferente, o anche, massime in certi momenti d’umor nero, da un amico.

Now I don’t take pleasure in the man’s pain,
But my rage will come down like the cold rain.
And there won’t be no shelter, no place you can go.
So put your hands up, time for surrender,
I’m a vigilante, my law’s defender,
You’re a wanted man, here everybody knows.

You better call the police, call the coroner,
Call up your priest, have it for you.
Walk in no peace when I find that fool
Who did that to you, yeah,
Who did that to you, my baby,
Who did that to you,
Gotta find that fool who did that to you.

a cura di Kuokoa

 

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Oh Happy Day Oh Happy Day, dall'album Let Us Go Into The House Of The Lord degli Edwin Hawkins Singers, 1967 Oh Happy Day ormai è una canzone gospel, consapevoli o no che si tratti, in realtà, di un inno di pasqua, sviluppato a partire da un inno del XVIII secolo e usato tradizionalmente nelle chiese protes...
Mika: Underwater Underwater, tratto dall'album The Origin of Love di Mika, 2012 E chi l'avrebbe mai detto che anche Mika avesse sofferto in passato di dislessia? Non è un'altra storia di infanzia difficile, la sua, o almeno tanta è la parte solare ed energica che emerge dalla sua musica che certo non è ciò che ...
Ayo: These days These days dall'album Joyful, Ayo, 2006 These days è il brano che preferisco di Joy Olasunmibo Ogunmakin (Colonia, 14 settembre 1980), in arte Ayo, che a sua volta significa gioia in yoruba (dialetto dell'Africa Occidentale). Come se quella stessa "gioia" non dovesse abbandonarla mai, anche di ...
ARTPOP ARTPOP, Lady Gaga, 2013 Per ARTPOP, il nuovo attesissimo album di Lady Gaga, si parla già di qualcosa di grandioso. Definito "un intero progetto, un'esperienza multimediale", uscirà nei primi mesi del 2013. ARTPOP sarà usufruibile anche attraverso un’apposita App. per Ipad, Iphone, cellulari...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!