Man in the mirror

Condividi con i tuoi amici su:

Man in the mirror, Bad, Michael Jackson, 1987

michael jackson

La canzone è spesso citata nei riferimenti al risultato del cambiamento del corpo di Michael Jackson, ovviamente in senso negativo; ma ascoltando questo pezzo a distanza di tempo dalla sua scomparsa, quell’ “uomo nello specchio” sembra assumere connotati sempre più familiari e benevoli.

Al di là di ogni sua stravaganza fino ad una reputazione quasi compromessa, leggere e ricordare i suoi messaggi come quello contenuto in questa canzone, non può essere che fonte di ispirazione per molti di noi, amanti della “buona” musica.

Benchè il brano non sia stato scritto dallo stesso artista, la sua interpretazione è bastata a renderlo coerente e naturale sostenitore del suo messaggio portante, eseguendola spesso in molti dei suoi live e inserendola nella maggior parte delle sue compilation.

Musica e parole, infatti, sono state scritte da Glen Ballard e Siedah Garrett, mentre Jackson ha aggiunto nel background le voci di Garrett, gli Winans e il coro Andrae Crouch, che oltre a dare alla canzone un suono distinto, rappresentano senz’altro la parte più emozionante e sentita.

In onore del cambiamento, in soccorso dei sogni infranti, c’è sempre tempo e spazio per recuperare valore, gratitudine e raggiungere la propria realizzazione. Essere il cambiamento che si vuol vedere accadere nel mondo: una rincorsa contro il tempo la sua, contro ogni pregiudizio e nemico, a partire da se stesso.

Come cantare un messaggio così importante senza volerlo vivere in prima persona?

Le tue azioni, il tuo stile uniti ad una melodia così incisiva e alla tua inconfondibile voce risuoneranno per sempre nel cuore di molti, come una lezione da non dimenticare, un pensiero di forza e amore per la vita.

Grazie Michael Jackson per essere stato con noi quanto basta ad averti amato tutti almeno una volta, grazie per aver sfidato il cambiamento a tutti i costi.

“Dapprima ti ignorano.
Poi ti ridono dietro.
Poi cominciano a combatterti.
Poi arriva la vittoria”

Visita il sito per l’anniversario dell’uscita di Bad.

I’m gonna make a change, for once in my life
It’s gonna feel real good, gonna make a difference
Gonna make it right… 

I’ve been a victim of a selfish kind of love
It’s time that I realize
That there are some with no home, not a nickle to loan
Could it really be me, pretending that they’re not alone? 

A willow deeply scarred, somebody’s broken heart 
And a washed-out dream 
(Washed out dream) 
They follow the pattern of the wind, ya’ see 
‘Cause they got no place to be 
That’s why I’m starting with me (br> (Starting with me) 

I’m starting with the man in the mirror 
I’m asking him to change his ways 
And no message could have been any clearer 
If you wanna make the world a better place 
(If you wanna make the world a better place) 
Take a look at yourself, and then make a change 
(Take a look at yourself, and then make a change) 

Make that change.

a cura di kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Creed: Don’t stop dancing "Don't stop dancing" tratta dall'album "Weathered" dei Creed, 2001 Ho cercato a lungo una citazione che potesse essere di buon auspicio per questo inizio 2013 ma non è stato affatto facile ripercorrere a ritroso i momenti musicali più caratterizzanti dell'anno appena trascorso, in cerca di ispi...
Good Rocking Tonight: Little Tony R.I.P. Evasioni nostalgiche e fenomeni revival fino all'addio a Little Tony Mentre tecnologia e innovazione finiscono col dominare progressivamente ogni aspetto del nostro vissuto quotidiano, c'è un angolo remoto della nostra memoria storica nostalgico e sentimentalista, teso ciclicamente a rivivere p...
Tom Waits for the Morning Train Tom Waits, Urban Solitude, Anouk 1999 Un sogno, un gioco di parole, un incontro platonico e su tutto, la forza del pensiero. Che rende verità le favole e d'amore una canzone. D'altronde amore cos'è, se non guardare insieme nella stessa direzione? Tom waits for the morning train To take us awa...
Bryn Christopher: The Quest The Quest dall'album My world di Bryn Christopher, 2008 Bryn Christopher apre i concerti di Amy Winehouse nel 2007 e May J. Blige nel 2008 ma la sua avrebbe potutto essere un'esibizione da headliner data la sua incredibile bravura. E' un fenomeno, ma uno di quelli, aihmè, che sembrano destinati...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!