Marco Mengoni: L’Essenziale

Condividi con i tuoi amici su:

L’Essenziale è vincere, anche per Marco Mengoni!

MarcoMengoni_l'essenziale_Sanremo_Plindo

L’essenziale, per dirla con Marco Mengoni, non è più solo partecipare ma vincere. E’ da tempo che è così e anche se il nostro Marco sa essere così modesto e umile da risultare davvero credibile, siamo sicuri sia certamente più contento dall’alt del podio. D’altronde nemmeno noi saremmo qui a scrivere di lui e come hanno sottolineato i Modà non compensa affatto la soddisfazione del podio.

Non ci si accontenta e anche il Festival ormai sembra averlo capito, tanto che in questo almeno si è adeguato così bene da non riservare più nemmeno una citazione ai secondi e terzi classificati, ai quali è rimasta, per il momento solo la sommessa impressione sui nostri schermi a menzionare le rispettive percentuali di gradimento.

Marco Mengoni mi è sempre piaciuto, peccato per le pochissime canzoni di spicco e la mancanza di una vera e propria band propria. Ce lo vedevo come portavoce di una musica suonata dal vivo a scardinare la solita figura del cantante-solista-di-passaggio-prodotto-dei-Talent. Spererei che la sua voce così particolare unita ad una personalità alquanto interessante lo conducessero a percorrere la strada dell’indipendenza. Non a caso Lucio Dalla lo ha definito “un artista straordinario, uno dei migliori degli ultimi anni” e di lui ha dichiarato: “Ha una personalità internazionale, mi sembra quasi Prince”.

E allora che bel riscatto sarebbe per lui e per chi non ci ha perso ogni speranza che in fondo la Tv può produrre ogni tanto anche qualcosa di buono. Dopo la vittoria a Sanremo, l’essenziale è nuovamente ancora tutto da dimostrare.

Coraggio Marco per noi l’essenziale è tenere alto il profilo della musica indipendente (quella di Marta sui Tubi per intenderci, non degli Almamegretta), mi auguro che per te sia oltre la Hit del momento. Almeno le parole sembrano andare in quella direzione…

Sostengono gli eroi
“se il gioco si fa duro,
è da giocare!”
Beati loro poi
se scambiano le offese con il bene.
Succede anche a noi
di far la guerra e ambire poi alla
pace
e nel silenzio mio
annullo ogni tuo singolo dolore.
Per apprezzare quello che
non ho saputo scegliere.

Mentre il mondo cade a pezzi
io compongo nuovi spazi
e desideri che
appartengono anche a te
che da sempre sei per me
l’essenziale.

a cura di Kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

The Swell Season: Falling slowly Falling slowly, tratta dal film Once con Glen Hansard e Markéta Irglová, 2008 Falling slowly è un bellissimo brano, vincitore di un Oscar nel 2008, tanto convincente da superare la disputa sul fatto che fosse già stata pubblicata ed esibita in pubblico prima dell'uscita del film. Colonna sonora...
Rimedi contro il caldo 2013? Singin’ in the rain Singin' in the rain dei The Jive Aces, 2006 Sapete già come affrontare l'ondata di calore tropicale dei prossimi giorni? O meglio a quali rimedi contro il caldo sareste disposti a ricorrere? Lasciate perdere condizionatori, fazzoletti ghiacciati, fughe al Polo, etc. Noi di Plindo non potevam...
Save the Best For Last Best for last, "Adele19", Adele, 2008 Tenersi il meglio per la fine anche se solo agognato procura sempre un piacere indefinito. Il meglio per la fine è ciò che conta di più ma serve anche a tralasciare tutto ciò che di meno buono lo ha preceduto. Il meglio per la fine è lo stimolo per andare a...
Indigo Girls: Blood and Fire Blood and Fire delle Indigo Girls, dall'album Strange Fire, 1987 Le Indigo Girls sono un duo folk rock americano, formatosi nel 1985 in Georgia e costituito da Amy Ray e Emily Saliers. Attualissime e attivissime discograficamente (almeno fino al 2011 con l'ultimo album "Beauty Queen Sister") e ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio