Mika: Underwater

Condividi con i tuoi amici su:

Underwater, tratto dall’album The Origin of Love di Mika, 2012

Mika: Underwater

E chi l’avrebbe mai detto che anche Mika avesse sofferto in passato di dislessia? Non è un’altra storia di infanzia difficile, la sua, o almeno tanta è la parte solare ed energica che emerge dalla sua musica che certo non è ciò che ci potremmo aspettare.

Mika nasce nel 1983 da madre libanese maronita e padre statunitense. La sua famiglia si trasferisce a Parigi nel 1984 a causa della guerra civile libanese ed in seguito al rapimento di suo padre ed al suo trattenimento all’ambasciata americana in Kuwait per sette mesi, all’età di nove anni si trasferisce a Londra.

Ed è questo che mi affascina quando emergono personaggi dalla spiccata personalità come quella di Mika, esuberanti e vitali; ognuno con le sue sofferenze, ma in grado di trarne vantaggio per trasmettere messaggi positivi.

Come quando nel 2012 Mika ammette la sua omosessualità, dichiarando dalle pagine del settimanale Instinct: “Mi chiedete se sono gay, io vi rispondo di sì. Mi chiedete se le mie canzoni parlano di relazioni con uomini? Io vi dico sì. Ed è solo attraverso la mia musica che ho trovato la forza di venire a patti con la mia sessualità, al di là dell’argomento dei miei testi. Questa è la mia vita reale”.

Inoltre, nella sua ascesa discografica si legge di un netto rifiuto da parte dell’artista di fronte alla richiesta delle case discografiche di accostarsi maggiormente alle sonorità più commerciali di Craig David e Robbie Williams. E a noi di Plindo Mika piace ancora di più, quando al riguardo afferma: “Sono pop, abbraccio la melodia, sono commerciale e non commerciale al tempo stesso perché ho una mentalità indie.”

Anche Bryan May si è dichiarato suo fan, fino a difenderlo dalla pessima recensione del giornalista Alexis Petridis del “Guardian” sull’album di debutto di Mika, “Life in Cartoon motion”.

Ed è proprio con quell’album e il successivo “The boy who knew too much” che Mika raggiunge la ben più eloquente cifra di ben 8 milioni di copie vendute.

Dal prossimo anno Mika sarà anche il primo caso di giudice internazionale ad un talent show italiano, e stiamo parlando della settima edizione di X Factor (Italia), attualmente in lavorazione.

E’ l’amore che respiri, metti le tue labbra su di me e posso vivere sott’acqua.

Flying through a bright blue sky
with a space boy high
from the world I leave behind
It’s enough to lose my head
disappear and not be seen again

When I fall to my feet
Wearin’ my heart on my sleeve
All I see just don’t make sense
You are the port of my call
You shot and leavin’ me raw
Now I know you’re amazing

‘Cause all I need
Is the love you breathe
Put your lips on me and
I can live underwater,
underwater, underwater!
Underwater!

Underwater!
Underwater, underwater!
I can live underwater
With your love I can breathe
I can Breathe underwater
underwater, underwater!

a cura di Kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Save the Best For Last Best for last, "Adele19", Adele, 2008 Tenersi il meglio per la fine anche se solo agognato procura sempre un piacere indefinito. Il meglio per la fine è ciò che conta di più ma serve anche a tralasciare tutto ciò che di meno buono lo ha preceduto. Il meglio per la fine è lo stimolo per andare a...
Man in the mirror Man in the mirror, Bad, Michael Jackson, 1987 La canzone è spesso citata nei riferimenti al risultato del cambiamento del corpo di Michael Jackson, ovviamente in senso negativo; ma ascoltando questo pezzo a distanza di tempo dalla sua scomparsa, quell' "uomo nello specchio" sembra assumere conn...
Rimedi contro il caldo 2013? Singin’ in the rain Singin' in the rain dei The Jive Aces, 2006 Sapete già come affrontare l'ondata di calore tropicale dei prossimi giorni? O meglio a quali rimedi contro il caldo sareste disposti a ricorrere? Lasciate perdere condizionatori, fazzoletti ghiacciati, fughe al Polo, etc. Noi di Plindo non potevam...
Marco Mengoni: L’Essenziale L'Essenziale è vincere, anche per Marco Mengoni! L'essenziale, per dirla con Marco Mengoni, non è più solo partecipare ma vincere. E' da tempo che è così e anche se il nostro Marco sa essere così modesto e umile da risultare davvero credibile, siamo sicuri sia certamente più contento dall'alt d...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio