Mika: Underwater

Condividi con i tuoi amici su:

Underwater, tratto dall’album The Origin of Love di Mika, 2012

Mika: Underwater

E chi l’avrebbe mai detto che anche Mika avesse sofferto in passato di dislessia? Non è un’altra storia di infanzia difficile, la sua, o almeno tanta è la parte solare ed energica che emerge dalla sua musica che certo non è ciò che ci potremmo aspettare.

Mika nasce nel 1983 da madre libanese maronita e padre statunitense. La sua famiglia si trasferisce a Parigi nel 1984 a causa della guerra civile libanese ed in seguito al rapimento di suo padre ed al suo trattenimento all’ambasciata americana in Kuwait per sette mesi, all’età di nove anni si trasferisce a Londra.

Ed è questo che mi affascina quando emergono personaggi dalla spiccata personalità come quella di Mika, esuberanti e vitali; ognuno con le sue sofferenze, ma in grado di trarne vantaggio per trasmettere messaggi positivi.

Come quando nel 2012 Mika ammette la sua omosessualità, dichiarando dalle pagine del settimanale Instinct: “Mi chiedete se sono gay, io vi rispondo di sì. Mi chiedete se le mie canzoni parlano di relazioni con uomini? Io vi dico sì. Ed è solo attraverso la mia musica che ho trovato la forza di venire a patti con la mia sessualità, al di là dell’argomento dei miei testi. Questa è la mia vita reale”.

Inoltre, nella sua ascesa discografica si legge di un netto rifiuto da parte dell’artista di fronte alla richiesta delle case discografiche di accostarsi maggiormente alle sonorità più commerciali di Craig David e Robbie Williams. E a noi di Plindo Mika piace ancora di più, quando al riguardo afferma: “Sono pop, abbraccio la melodia, sono commerciale e non commerciale al tempo stesso perché ho una mentalità indie.”

Anche Bryan May si è dichiarato suo fan, fino a difenderlo dalla pessima recensione del giornalista Alexis Petridis del “Guardian” sull’album di debutto di Mika, “Life in Cartoon motion”.

Ed è proprio con quell’album e il successivo “The boy who knew too much” che Mika raggiunge la ben più eloquente cifra di ben 8 milioni di copie vendute.

Dal prossimo anno Mika sarà anche il primo caso di giudice internazionale ad un talent show italiano, e stiamo parlando della settima edizione di X Factor (Italia), attualmente in lavorazione.

E’ l’amore che respiri, metti le tue labbra su di me e posso vivere sott’acqua.

Flying through a bright blue sky
with a space boy high
from the world I leave behind
It’s enough to lose my head
disappear and not be seen again

When I fall to my feet
Wearin’ my heart on my sleeve
All I see just don’t make sense
You are the port of my call
You shot and leavin’ me raw
Now I know you’re amazing

‘Cause all I need
Is the love you breathe
Put your lips on me and
I can live underwater,
underwater, underwater!
Underwater!

Underwater!
Underwater, underwater!
I can live underwater
With your love I can breathe
I can Breathe underwater
underwater, underwater!

a cura di Kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Oh Happy Day Oh Happy Day, dall'album Let Us Go Into The House Of The Lord degli Edwin Hawkins Singers, 1967 Oh Happy Day ormai è una canzone gospel, consapevoli o no che si tratti, in realtà, di un inno di pasqua, sviluppato a partire da un inno del XVIII secolo e usato tradizionalmente nelle chiese protes...
ARTPOP ARTPOP, Lady Gaga, 2013 Per ARTPOP, il nuovo attesissimo album di Lady Gaga, si parla già di qualcosa di grandioso. Definito "un intero progetto, un'esperienza multimediale", uscirà nei primi mesi del 2013. ARTPOP sarà usufruibile anche attraverso un’apposita App. per Ipad, Iphone, cellulari...
Creed: Don’t stop dancing "Don't stop dancing" tratta dall'album "Weathered" dei Creed, 2001 Ho cercato a lungo una citazione che potesse essere di buon auspicio per questo inizio 2013 ma non è stato affatto facile ripercorrere a ritroso i momenti musicali più caratterizzanti dell'anno appena trascorso, in cerca di ispi...
Ayo: These days These days dall'album Joyful, Ayo, 2006 These days è il brano che preferisco di Joy Olasunmibo Ogunmakin (Colonia, 14 settembre 1980), in arte Ayo, che a sua volta significa gioia in yoruba (dialetto dell'Africa Occidentale). Come se quella stessa "gioia" non dovesse abbandonarla mai, anche di ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio