Oh Happy Day

Oh Happy Day, dall’album Let Us Go Into The House Of The Lord degli Edwin Hawkins Singers, 1967

oh happy day

Oh Happy Day ormai è una canzone gospel, consapevoli o no che si tratti, in realtà, di un inno di pasqua, sviluppato a partire da un inno del XVIII secolo e usato tradizionalmente nelle chiese protestanti anglosassoni come inno per il battesimo e la cresima. Fu una pubblicità di una nota marca di vini spumanti a lanciarla come canto natalizio in occasione delle feste nel 1983, e questo non fà, se mai, che rinforzare la nostra umana convinzione.

Quando si dice la forza della comunicazione, che al di là di quella pubblicitaria, straripa da questa canzone in ogni sua forma e versione nel corso del tempo, con il suo inoppugnabile messaggio di gioia. E mai come in questo periodo, quello natalizio, la speranza di un giorno felice, perchè migliore, si fà sfrenata tanto quanto la corsa ai regali.

E quest’anno più di sempre mi auguro che ce ne siano di giorni felici per tutti, prima che sia troppo tardi, prima che arrivi un altro Natale senza aver sorriso un pò di più, prima che i nostri sogni lascino il posto alla consolazione. Il giorno migliore può essere quello che ci costruiamo ora dopo ora, la svolta improvvisa, un pensiero gentile inatteso.

 È certamente vero che noi dobbiamo pensare alla felicità degli altri; ma non si dice mai abbastanza che il meglio che possiamo fare per quelli che amiamo è ancora l’essere felici.

Auguri di Giorni Felici!

 

Oh Happy Day
Oh happy day, oh happy day
When Jesus washed, oh when He washed
When Jesus washed, He washed my sins away 

He taught me how to watch and pray, watch and pray
and we’ll rejoice everyday, everyday

 a cura di kuokoa

Articoli interessanti

Good Rocking Tonight: Little Tony R.I.P. Evasioni nostalgiche e fenomeni revival fino all'addio a Little Tony Mentre tecnologia e innovazione finiscono col dominare progressivamente ogni aspetto del nostro vissuto quotidiano, c'è un angolo remoto della nostra memoria storica nostalgico e sentimentalista, teso ciclicamente a rivivere p...
Mika: Underwater Underwater, tratto dall'album The Origin of Love di Mika, 2012 E chi l'avrebbe mai detto che anche Mika avesse sofferto in passato di dislessia? Non è un'altra storia di infanzia difficile, la sua, o almeno tanta è la parte solare ed energica che emerge dalla sua musica che certo non è ciò che ...
The Swell Season: Falling slowly Falling slowly, tratta dal film Once con Glen Hansard e Markéta Irglová, 2008 Falling slowly è un bellissimo brano, vincitore di un Oscar nel 2008, tanto convincente da superare la disputa sul fatto che fosse già stata pubblicata ed esibita in pubblico prima dell'uscita del film. Colonna sonora...
Ayo: These days These days dall'album Joyful, Ayo, 2006 These days è il brano che preferisco di Joy Olasunmibo Ogunmakin (Colonia, 14 settembre 1980), in arte Ayo, che a sua volta significa gioia in yoruba (dialetto dell'Africa Occidentale). Come se quella stessa "gioia" non dovesse abbandonarla mai, anche di ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!