Oh Happy Day

Condividi con i tuoi amici su:

Oh Happy Day, dall’album Let Us Go Into The House Of The Lord degli Edwin Hawkins Singers, 1967

oh happy day

Oh Happy Day ormai è una canzone gospel, consapevoli o no che si tratti, in realtà, di un inno di pasqua, sviluppato a partire da un inno del XVIII secolo e usato tradizionalmente nelle chiese protestanti anglosassoni come inno per il battesimo e la cresima. Fu una pubblicità di una nota marca di vini spumanti a lanciarla come canto natalizio in occasione delle feste nel 1983, e questo non fà, se mai, che rinforzare la nostra umana convinzione.

Quando si dice la forza della comunicazione, che al di là di quella pubblicitaria, straripa da questa canzone in ogni sua forma e versione nel corso del tempo, con il suo inoppugnabile messaggio di gioia. E mai come in questo periodo, quello natalizio, la speranza di un giorno felice, perchè migliore, si fà sfrenata tanto quanto la corsa ai regali.

E quest’anno più di sempre mi auguro che ce ne siano di giorni felici per tutti, prima che sia troppo tardi, prima che arrivi un altro Natale senza aver sorriso un pò di più, prima che i nostri sogni lascino il posto alla consolazione. Il giorno migliore può essere quello che ci costruiamo ora dopo ora, la svolta improvvisa, un pensiero gentile inatteso.

 È certamente vero che noi dobbiamo pensare alla felicità degli altri; ma non si dice mai abbastanza che il meglio che possiamo fare per quelli che amiamo è ancora l’essere felici.

Auguri di Giorni Felici!

 

Oh Happy Day
Oh happy day, oh happy day
When Jesus washed, oh when He washed
When Jesus washed, He washed my sins away 

He taught me how to watch and pray, watch and pray
and we’ll rejoice everyday, everyday

 a cura di kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Marco Mengoni: L’Essenziale L'Essenziale è vincere, anche per Marco Mengoni! L'essenziale, per dirla con Marco Mengoni, non è più solo partecipare ma vincere. E' da tempo che è così e anche se il nostro Marco sa essere così modesto e umile da risultare davvero credibile, siamo sicuri sia certamente più contento dall'alt d...
Save the Best For Last Best for last, "Adele19", Adele, 2008 Tenersi il meglio per la fine anche se solo agognato procura sempre un piacere indefinito. Il meglio per la fine è ciò che conta di più ma serve anche a tralasciare tutto ciò che di meno buono lo ha preceduto. Il meglio per la fine è lo stimolo per andare a...
Mika: Underwater Underwater, tratto dall'album The Origin of Love di Mika, 2012 E chi l'avrebbe mai detto che anche Mika avesse sofferto in passato di dislessia? Non è un'altra storia di infanzia difficile, la sua, o almeno tanta è la parte solare ed energica che emerge dalla sua musica che certo non è ciò che ...
Tom Waits for the Morning Train Tom Waits, Urban Solitude, Anouk 1999 Un sogno, un gioco di parole, un incontro platonico e su tutto, la forza del pensiero. Che rende verità le favole e d'amore una canzone. D'altronde amore cos'è, se non guardare insieme nella stessa direzione? Tom waits for the morning train To take us awa...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio