Rimedi contro il caldo 2013? Singin’ in the rain

Condividi con i tuoi amici su:

Singin’ in the rain dei The Jive Aces, 2006

Rimedi contro il caldo 2013? Singin' in the rain

Sapete già come affrontare l’ondata di calore tropicale dei prossimi giorni? O meglio a quali rimedi contro il caldo sareste disposti a ricorrere? Lasciate perdere condizionatori, fazzoletti ghiacciati, fughe al Polo, etc.

Noi di Plindo non potevamo che rispondere a suon di musica, o nel mio caso “a colpi di citazione”! Vi ricordate Singin’ in the rain? Fate come nel celebre omonimo film con Gene Kelly e soprattutto ascoltate la versione dei The Jive Aces del 2006; ne sarete così estasiati da dimenticare tutto il resto, caldo compreso!

Non è una sfida alla vostra immaginazione, e se vi dovesse sembrare sciocco o ridicolo, pensate al potere rigenerante della musica, lasciatevi trasportare dal ritmo e convincere dalla positività del testo.

Il brano racconta del sentimento di gioia che scaturisce nell’animo di una persona mentre sta cantando e ballando sotto la pioggia, perché mentre sorride alle nuvole, “c’è il sole nel proprio cuore” ed è nuovamente pronta ad amare.

Cercavate rimedi contro il caldo e pensate di aver sbagliato articolo? Niente affatto! Il senso è che aumentando la vostra temperatura interna, in senso metaforico con un’emozione positiva, percepirete più bassa anche quella esterna! Come quando vi dicono di bere l’acqua a “temperatura ambiente” per dissetarvi meglio! Provare per credere a ritmo di “Hot” Jive, appunto!

Questo sound eccitava talmente tanto i ragazzi, che ben presto cominciarono a ballare e a “fare a pezzi il pavimento” quando le band “Hot” Jive venivano a suonare a Londra.

Il ballo d’altronde era un abbinamento di base per questo genere di musica con un tema in comune quale il battito dei piedi, il dondolio, e tanto divertimento. Un ballo che è dinamismo e costante ricerca di equilibrio con il partner, con una morbidezza che lo rende molto elegante.

Letteralmente «swing» significa dondolo, e si riferisce alle danze nate alla fine degli Anni ‘20, durante il proibizionismo e la crisi economica, sulla musica delle orchestre “Hot” jazz di New Orleans: tap dance, charleston e boogie woogie, sono i più noti.

Ritmi sincopati, voglia di stupire e ricerca di uno stile personale senza obbedire a regole precise sono le caratteristiche delle danze rese celebri dai film musical con Ginger Rogers e Fred Astaire.

Le gambe si muovono come se non avessero ossa, con le ginocchia che vanno in ogni direzione; i gomiti e le spalle disegnano spigoli e angoli improbabili, il bacino guida il movimento mentre il peso sfida la forza di gravità. E si ride di gusto!

I’m singin’ in the rain, just singin’ in the rain
What a glorious feeling I’m happy again
I’m laughing at clouds so dark above
The sun’s in my heart and I’m ready for love
Let the stormy clouds chase everyone from the place
Come on with the rain, I’ve a smile on my face
I’ll walk down the lane with a happy refrain
And singin’ just singin’ in the rain

a cura di Kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Creed: Don’t stop dancing "Don't stop dancing" tratta dall'album "Weathered" dei Creed, 2001 Ho cercato a lungo una citazione che potesse essere di buon auspicio per questo inizio 2013 ma non è stato affatto facile ripercorrere a ritroso i momenti musicali più caratterizzanti dell'anno appena trascorso, in cerca di ispi...
Indigo Girls: Blood and Fire Blood and Fire delle Indigo Girls, dall'album Strange Fire, 1987 Le Indigo Girls sono un duo folk rock americano, formatosi nel 1985 in Georgia e costituito da Amy Ray e Emily Saliers. Attualissime e attivissime discograficamente (almeno fino al 2011 con l'ultimo album "Beauty Queen Sister") e ...
Robert Pattinson: Let me sign Let me sign, dalla saga di Twilight, 2008 Mi è capitato di recente di partecipare ad una serata fra amici dedicata alla visione completa della saga di Twilight e rimanere colpita da un brano in particolare della colonna sonora, dal titolo "Let me sign". E' successo che in un primo momento no...
Oh Happy Day Oh Happy Day, dall'album Let Us Go Into The House Of The Lord degli Edwin Hawkins Singers, 1967 Oh Happy Day ormai è una canzone gospel, consapevoli o no che si tratti, in realtà, di un inno di pasqua, sviluppato a partire da un inno del XVIII secolo e usato tradizionalmente nelle chiese protes...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio