You would never wholly know you

 You would never wholly know you, Marilyn Monroe (1926-1962)

You would never wholly know you

You would never wholly know you, Marilyn! Più che una citazione, per chi conosce anche solo un pò la storia di Marilyn Monroe, salta agli occhi subito come un’amara e tacita predizione di ciò che sarebbe stato il suo destino, come un presentimento che l’attrice aveva in serbo.

Quest’eccezione alle citazioni musicali è dovuta alla mia recente visita alla mostra dedicata a Marilyn Monroe, presso il Palazzo Ferragamo a Firenze; spinta soprattutto dalla passione per il mito, e, non vi nascondo, incuriosita anche da un commento di Vanity Fair, che l’aveva definita addirittura “commovente”.

Il fascino della storia unito a quello del mistero, ma anche fragilità e bellezza, determinazione e semplicità; tutto questo, si sa e si è sempre detto, hanno contribuito al mito di Marilyn.

Ma quello che veramente appaga è scoprire come le apparenze ingannino e che ciò che vi si nasconde è più bello e profondo di quanto si potesse immaginare, dalla sua bellezza senza trucco ad una più matura consapevolezza.

A confronto di ciò che ci è propinato dai miti attuali, dette parole da parte di una diva come Marilyn mi spingono serenamente a prendere in considerazione il tema dell’incedere del tempo da un’altra prospettiva.

Peccato che tu non ce l’abbia potuta mostrare fino in fondo, non può essere che ti sia mancato il coraggio, che ti sia voluta contraddire, cadendo vittima del tuo stesso mito. Erano parole coraggiose le tue e per chi rimane, l’unica verità che conta.

I sit for hours in front of a mirror looking for signs of age. And yet I like old people, they have qualities that young people don’t have. I want to grow old without facelifts. They take life out of your face, out of your character. I want to have the courage to be loyal to the face I’ve made. Sometimes I think it would be easier to avoid old age, to die young, but then you’d never complete your life, would you? You would never wholly know you.

a cura di kuokoa

Articoli interessanti

Connect-R: Vara nu dorm Vara nu dorm di Stefan Mihalache (Connect-R), dall'album Vara nu dorm, 2012 E chi l'avrebbe mai detto che sarei arrivata a scrivere in una rubrica ispirata alle liriche delle mie canzoni preferite (quasi tutte inglesi), anche di un pezzo in lingua rumena! Non posso nascondere che il testo di...
Bruno Mars: Locked out of Heaven  "Locked out of Heaven", dall'album "Unorthodox Jukebox" di Bruno Mars, 2012 Bruno Mars: timbro vocale, versatilità di generi musicali (reggae, pop, soul e blues) e abilità danzerecce lo hanno già dichiarato l'erede di Michael Jackson. Per non parlare dell'unica esperienza cinematografica a sol...
Asaf Avidan: One Day/Reckoning Song One Day/Reckoning Song è la resa dei conti per Asaf Avidan Scritta alla fine di un'altra storia, in un momento di quelli che sembrano poter pronunciare solo parole d'odio, rancore e tristezza, questo brano stupisce per la sua amara dolcezza tanto da confondere le idee. Ad un primo ascolto spensiera...
Baby K ft. Tiziano Ferro: Killer Killer, dall'album "Una seria", Baby K, 2013 Due punti di vista sull'amore, due facce della stessa medaglia, probabilmente due killer (a turno), un solo cuore! Al di là del significato del testo, che ho trovato comunque divertente, (chissà se sarà anche efficace), mi ha incuriosito il titolo de...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!