You would never wholly know you

Condividi con i tuoi amici su:

 You would never wholly know you, Marilyn Monroe (1926-1962)

You would never wholly know you

You would never wholly know you, Marilyn! Più che una citazione, per chi conosce anche solo un pò la storia di Marilyn Monroe, salta agli occhi subito come un’amara e tacita predizione di ciò che sarebbe stato il suo destino, come un presentimento che l’attrice aveva in serbo.

Quest’eccezione alle citazioni musicali è dovuta alla mia recente visita alla mostra dedicata a Marilyn Monroe, presso il Palazzo Ferragamo a Firenze; spinta soprattutto dalla passione per il mito, e, non vi nascondo, incuriosita anche da un commento di Vanity Fair, che l’aveva definita addirittura “commovente”.

Il fascino della storia unito a quello del mistero, ma anche fragilità e bellezza, determinazione e semplicità; tutto questo, si sa e si è sempre detto, hanno contribuito al mito di Marilyn.

Ma quello che veramente appaga è scoprire come le apparenze ingannino e che ciò che vi si nasconde è più bello e profondo di quanto si potesse immaginare, dalla sua bellezza senza trucco ad una più matura consapevolezza.

A confronto di ciò che ci è propinato dai miti attuali, dette parole da parte di una diva come Marilyn mi spingono serenamente a prendere in considerazione il tema dell’incedere del tempo da un’altra prospettiva.

Peccato che tu non ce l’abbia potuta mostrare fino in fondo, non può essere che ti sia mancato il coraggio, che ti sia voluta contraddire, cadendo vittima del tuo stesso mito. Erano parole coraggiose le tue e per chi rimane, l’unica verità che conta.

I sit for hours in front of a mirror looking for signs of age. And yet I like old people, they have qualities that young people don’t have. I want to grow old without facelifts. They take life out of your face, out of your character. I want to have the courage to be loyal to the face I’ve made. Sometimes I think it would be easier to avoid old age, to die young, but then you’d never complete your life, would you? You would never wholly know you.

a cura di kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Lykke Li: I Follow Rivers I Follow Rivers, tratto dall'album Wounded Rhymes, Lylkke Li, 2011 A soli 22 anni la svedese Lykke Li è una delle più giovani promesse dell'indie pop mondiale. Comincia a diventare sempre più popolare tra gli appassionati di musica indipendente grazie alle sue partecipazioni al Coachella Valley...
Sade: King of sorrow King of sorrow dall'album "Lovers rock" di Sade Adu, 2000 Non vi nascondo che ho trovato qualche difficoltà a reperire foto in buona qualità dell'artista in questione, Helen Folasade Adu, di padre nigeriano e madre britannica, ai più nota come Sade. Di lei si sa veramente poco, anche Wikiped...
The heart can’t erase once it finds a place I'm in love with a girl, "Gavin De Graw", Gavin De Graw, 2008 Perchè tormentarsi quando ci sono tante canzoni pronte a ricordarci cosa possa significare "amare"? Questa lo fà in modo così semplice, diretto, stimolante che ti viene voglia di provarci davvero a credere nelle favole. E raggiunge ...
Hell or Hallelujah Hell or Hallelujah, Monster, Kiss, 2012 Per il lancio di “Monster“, anticipato dal singolo "Hell or Hallelujah", e ovviare ad ogni ulteriore riferimento ad un altro mito delle mascherate, i Kiss osano con una combinazione impensabile, tanto bizzarra quanto, siamo sicuri, a garanzia di un nuovo ...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio