You would never wholly know you

Condividi con i tuoi amici su:

 You would never wholly know you, Marilyn Monroe (1926-1962)

You would never wholly know you

You would never wholly know you, Marilyn! Più che una citazione, per chi conosce anche solo un pò la storia di Marilyn Monroe, salta agli occhi subito come un’amara e tacita predizione di ciò che sarebbe stato il suo destino, come un presentimento che l’attrice aveva in serbo.

Quest’eccezione alle citazioni musicali è dovuta alla mia recente visita alla mostra dedicata a Marilyn Monroe, presso il Palazzo Ferragamo a Firenze; spinta soprattutto dalla passione per il mito, e, non vi nascondo, incuriosita anche da un commento di Vanity Fair, che l’aveva definita addirittura “commovente”.

Il fascino della storia unito a quello del mistero, ma anche fragilità e bellezza, determinazione e semplicità; tutto questo, si sa e si è sempre detto, hanno contribuito al mito di Marilyn.

Ma quello che veramente appaga è scoprire come le apparenze ingannino e che ciò che vi si nasconde è più bello e profondo di quanto si potesse immaginare, dalla sua bellezza senza trucco ad una più matura consapevolezza.

A confronto di ciò che ci è propinato dai miti attuali, dette parole da parte di una diva come Marilyn mi spingono serenamente a prendere in considerazione il tema dell’incedere del tempo da un’altra prospettiva.

Peccato che tu non ce l’abbia potuta mostrare fino in fondo, non può essere che ti sia mancato il coraggio, che ti sia voluta contraddire, cadendo vittima del tuo stesso mito. Erano parole coraggiose le tue e per chi rimane, l’unica verità che conta.

I sit for hours in front of a mirror looking for signs of age. And yet I like old people, they have qualities that young people don’t have. I want to grow old without facelifts. They take life out of your face, out of your character. I want to have the courage to be loyal to the face I’ve made. Sometimes I think it would be easier to avoid old age, to die young, but then you’d never complete your life, would you? You would never wholly know you.

a cura di kuokoa

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Django Unchained: Who did that to you! "Who did that to you" (John Legend), tratta dal film "Django Unchained" di Quentin Tarantino, 2012 Il brano "incriminato" per la sua forza trascinante porta il titolo “Who did that to you”. Tanto per sottolineare il calibro degli artisti coinvolti, interprete dalla voce penetrante e tagliente è...
Bryn Christopher: The Quest The Quest dall'album My world di Bryn Christopher, 2008 Bryn Christopher apre i concerti di Amy Winehouse nel 2007 e May J. Blige nel 2008 ma la sua avrebbe potutto essere un'esibizione da headliner data la sua incredibile bravura. E' un fenomeno, ma uno di quelli, aihmè, che sembrano destinati...
Oh Happy Day Oh Happy Day, dall'album Let Us Go Into The House Of The Lord degli Edwin Hawkins Singers, 1967 Oh Happy Day ormai è una canzone gospel, consapevoli o no che si tratti, in realtà, di un inno di pasqua, sviluppato a partire da un inno del XVIII secolo e usato tradizionalmente nelle chiese protes...
Sting: Fragile Fragile, dall'album Nothing like the sun, Sting, 1987 Fragile è una dedica, ispirata ad un fatto reale e davvero significativo per la storia politica e sociale dell'umanità. La canzone è un omaggio a Ben Linder, ingegnere civile americano ucciso dai Contras nel 1987 mentre lavorava su un progetto...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!