Capesante per solleticare le vostre papille

Condividi con i tuoi amici su:

Grazie agli alti livelli di glutammato che vi si trova allo stato naturale (159 mg/100g), le cappasante sono uno dei cibi dal “gusto umami” per eccellenza, il sesto gusto che fa tanto bene alla salute!

Capesante per solleticare le vostre papille

Inoltre, le capesante sono un alimento ipocalorico, dato che rimangono al di sotto delle 100 calorie per 100 grammi.

Anche la loro duplice simbologia è sempre positiva! La capasanta è simbolo di Afrodite (Venere per i Romani), dea delle bellezza e dell’amore, che emerse dalla spuma del mare nelle acque dell’isola di Cipro, a bordo di una madreperlata conchiglia a ventaglio.

Il nome francese della conchiglia, Saint Jacques si riferisce al santo Santiago che usava la conchiglia per contenere l’acqua da utilizzare per la benedizione. Da qui deriverebbe anche l’usanza medievale dei pellegrini cristiani sul cammino di Santiago di Compostela di cui le capesante sono simbolo.
Dopo aver attraversato Francia e Spagna ed essere arrivati alla meta, Santiago, raccoglievano le conchiglie e se le appendevano addosso come portafortuna.

Sarà questo il motivo della scelta della capasanta come simbolo del noto marchio di benzina?

Ingredienti:

  • 12 capesante;
  • 250 gr di fave fresche sgusciate;
  • 1 arancia non trattata;
  • 60 gr di burro morbido;
  • farina di mandorle;
  • olio extra vergine di oliva;
  • sale e pepe;
  • misticanza;
  • semi di sesamo nero;
  • germogli di barbabietola

Tuffate le fave in abbondante acqua bollente salata e cuocetele per 6-7 minuti, sgocciolatele e trasferitele subito sotto acqua fredda corrente, poi eliminate le pellicine, passandole fra pollice e indice.

Intanto, sciacquate l’arancia, asciugatela e grattugiate metà della scorza.
Disponetela in una ciotola, unite 1 cucchiaio di succo del frutto e 1 pizzico di sale e pepe, mescolate e incorporate il composto al burro lasciato ammorbidire a temperatura ambiente fino a ottenere una crema morbida.

Tenete da parte 2 cucchiai di fave e frullate quelle rimaste con 3 cucchiai d’olio, 2 di succo d’arancia, sale e pepe. Distribuite sui molluschi il composto di burro all’arancia preparato, passateli nella farina di mandorle, disponeteli sulla placca foderata con un foglio di carta da forno e cuoceteli in forno già caldo a 200° per circa 12-14 minuti. girandoli a metà cottura.

Suddividete la crema di fave nei piatti, aggiungete le capesante, le fave messe da parte, qualche foglia di misticanza, i semi e i germogli; servite subito.

Ci siete riusciti?

Preparate la ricetta e pubblicate le foto delle vostre creazioni qui sotto nei commenti!

Condividi con i tuoi amici su:

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!