Sushi, per quelli che negli anni ’80…

Quando si parla di sushi, ma soprattutto si frequentano ristoranti giapponesi, ci si dimentica spesso di ordinare uno dei piatti base, che hanno fatto parte dell’infanzia di molti di noi…

ricetta-sushi-plindo

Solitamente gli onigiri, detti anche polpette di sushi, sono triangolari, ma qualche volta vengono “disegnati” anche tondi. Da umile pasto d’emergenza, per non sprecare un eccesso di riso preparato per un’altra ricetta o per la praticità di confezionare un “piatto unico” da asporto, l’Onigiri è diffuso, con alcune varianti, in tutto il Giappone ed assume secondo le situazioni il rango di snack o di vero e proprio pasto.

Ecco perchè non è possibile individuare un cartone animato giapponese in particolare per ricordarveli, poiché li abbiamo visti praticamente in tutti (da Kiss me Licia a Doraemon, Mila e Shiro, etc.) !

Se non siete pratichi di sushi, l’onigiri è una facile e divertente ricetta per una cena “memorabile” fra amici, da accompagnare a piatti a base di pesce e verdure.

Ingredienti:

  • 300 gr di riso a chicchi tondi per sushi;
  • 2 cucchiai di aceto di riso;
  • 2 cucchiaini di zucchero;
  • 2 pizzichi di sale;
  • 100 gr di tofu aromatizzato;
  • 1 carota;
  • 1 avocado;
  • 1 foglio di alga nori;
  • semi di sesamo neri tostati;
  • semi di sesamo dorati tostati;
  • aceto di riso;
  • sale.

Sciacquate bene il riso e mettetelo in una pentola con 5-6 dl di acqua. Coprite, portate lentamente a ebollizione e cuocete per 10 minuti senza mai aprire.
Mescolate, rimettete il coperchio e fate riposare per una decina di minuti, finchè si sarà asciugato. Intanto, scaldate in un pentolino l’aceto, lo zucchero e il sale, mescolando finchè si saranno sciolti; lasciate raffreddare.

Stendete il riso per sushi su un piano di lavoro di legno inumidito, allargatelo con un cucchiaio di legno bagnato, poi irrorate con lo sciroppo. Coprite con un telo umido e lasciate raffreddare.

Tagliate, intanto, a dadini il tofu; pulite l’avocado e riducetelo a cubetti piccoli; pulite la carota, tagliatela a cubetti e scottateli per 3 minuti in acqua salata e aceto.

Dividete il composto in 3 parti e aggiungete a una il sesamo nero. Prelevate con le mani bagnate in acqua e aceto 1 porzione di riso per sushi (1 cucchiaio colmo), mettete al centro un pò di tofu e verdure, stringete delicatamente per compattare e dategli una forma triangolare di 4-5 cm di altezza e 3-4 cm di spessore, poi decorateli con una strisciolina di alga disposta sulla base e sui lati; ripetete con una seconda parte di riso bianco, decorando i triangoli con una striscia di alga disposta tutto intorno.

Con il riso per sushi rimasto, formate tanti cubotti, farciteli al centro, chiudeteli, poi passateli nei semi di sesamo dorati. Conservate al fresco fino al momento di servire.

Ci siete riusciti?

Preparate la ricetta e pubblicate le foto delle vostre creazioni qui sotto nei commenti!

Articoli interessanti

Semi di Chia, per una dieta virtuosa I semi di Chia sono perfetti per la dieta perchè favoriscono il senso di sazietà e apportano numerose sostanze nutritive essenziali per la salute. I semi di chia sono fonte di calcio e di omega3; sono, inoltre, ricchi di acidi grassi polinsaturi considerati benefici per il cuore, la vista e il ...
Lavanda e gelato: coppia dell’estate! La lavanda, oltre a profumare la vostra estate, vi porterà tanti effetti benefici per la salute e l'umore. Per non parlare di quel suo gusto travolgente... Il nome della lavanda deriva dal suo utilizzo per detergere il corpo fin dai tempi degli antichi romani ma è durante il periodo Elisabettia...
Carbonara di zucchine: quando il vegetariano reinventa la tr... Con l'arrivo della bella stagione, in sintonia con la voglia generale di rimettersi in forma, servono delle alternative alimentari sane ma allo stesso tempo energetiche, come un piatto di pasta. Così cresce anche la voglia di sperimentare, magari reinventando i classici, introducendo ingredient...
Cheesecake vegano ai lamponi 26Quando il cheesecake è rivisitato in chiave veg diventa magro e sorprendentemente gustoso! Cheesecake e dieta possono andare d'accordo! Partiamo col dire, per chi non conoscesse l'agar agar, che si tratta di un gelificante di origine naturale derivato dalle alghe rosse; ma soprattutto che all...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!