Tournedos di vitello in crosta con fonduta di Toma Piemontese

Condividi con i tuoi amici su:

Dal 1996 la toma piemontese è un formaggio radicato nel territorio in cui viene realizzato e perfetto per realizzare ricette incredibili!

Tournedos di vitello in crosta con fonduta di Toma Piemontese

La toma piemontese è un formaggio a pasta semidura o morbida che nasce nelle valli alpini del Piemonte dalle abili mani esperte dei margari, mastri casari che vivono in alpeggi insieme  alle mandrie e le guidano durante la transumanza. Il 75% della produzione viene effettuata sopra i 500  metri dove i pascoli sono ricchi di foraggio.

Per la produzione di toma piemontese DOP viee utilizzato esclusivamente latte vaccino proveniente da due mungiture consecutive e sale grosso sparso sulle due facce. Il latte può essere intero o scremato. Nel primo caso il sapore risulterà dolce e l’aroma delicato, la crosta è liscia e di colore giallo paglierino; nella variante semigrassa invece, il sapore è intenso e l’aroma fragrante, la crosta ha un aspetto rustico ed è di colore bruno rossiccio.

La stagionatura avviene in grotte o apposite cantine per un periodo compreso tra i 15 ai 60 giorni.

Ma come possiamo utilizzare questo squisito formaggio? Ecco la nostra ricetta speciale!

Ingredienti:

  • 4 medaglioni di filetto di vitello da 150 grammi ciascuno;
  • 400 grammi di Toma Piemontese
  • 1 confezione di pasta sfoglia pronta;
  • 200 grammi di spinaci già lessati;
  • 1,8 decilitri di latte fresco;
  • 6 cucchiai di vino bianco;
  • 1 tuorlo d’uovo;
  • 2 rametti di timo;
  • rosette di cavolo romanesco lessate;

Legate i  medaglioni con spago da cucina in senso orizzontale, ungeteli leggermente e rosolateli in padella circa 1 minuto per lato, salandoli leggermente. Sfumate con il vino e fate evaporare, poi disponeteli in un piatto, lasciate intiepidire ed eliminate lo spago. Stendete gli spinaci sulle fette di prosciutto e avvolgetevi i filetti.

Ritagliate dalla pasta sfoglio 4 dischi abbastanza grandi per ricoprire i tournedos, poi praticate tanti taglietti paralleli sulla superficie. Sbattete il tuorlo con 2 cucchiai d’acqua e spennellate la sfoglia. Trasferite i filetti sulla placca foderata con carta da forno e cuoceteli in forno già caldo a 200 °C per 8 – 10 minuti.

Nel frattempo, eliminate la crosta dalla Toma Piemontese, tagliatela a dadini, mettetela in una casseruola con il latte e fate fodere a fiamma bassissima, mescolando lentamente fino ad ottenere una salsa cremosa.

Mettete i medaglioni al centro dei piatti, disponete tutto intorno la fonduta e irroratela con un po’ di fondo d cottura dei filetti, poi decorate con foglioline di timo e servite con rosette di cavolo romanesco lessate.

Ci siete riusciti?

Preparate la ricetta e pubblicate le foto delle vostre creazioni qui sotto nei commenti!

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Sushi, per quelli che negli anni ’80… Quando si parla di sushi, ma soprattutto si frequentano ristoranti giapponesi, ci si dimentica spesso di ordinare uno dei piatti base, che hanno fatto parte dell'infanzia di molti di noi... Solitamente gli onigiri, detti anche polpette di sushi, sono triangolari, ma qualche volta vengono "diseg...
Panini al latte Non so voi, ma a me questi panini ricordano la mia infanzia. Immancabili nel sacchetto del pranzo al sacco per la gita scolastica, evergreen delle merende improvvisate… Il panino al latte è l’emblema della condivisione fatto a carboidrato. Rompetelo in due e gustatelo con le persone a cui volet...
Una Festa di Compleanno galattica! Star Wars, lo sappiamo, non ha età! Quale miglior tema allora per la vostra prossima Festa di Compleanno? Fra le tante idee originali per una Festa di Compleanno a tema, c'è anche quella di ricreare un menù dedicato al vostro film preferito o preparare un dolce con gli amici! Fra torte con le s...
È di moda la Quinoa Detta dagli Inca anche "la madre di tutti i semi“, la quinoa ha acquisito negli ultimi anni una popolarità per certi aspetti imprevista, tanto da diffondersi in maniera massiccia e imporsi sulla tavola degli italiani. La quinoa è un "falso cereale" perché è spesso ritenuto tale mentre appartien...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!