Loaded Yoga: quando lo sport diventa rock

Loaded Yoga, lo yoga in versione strong. Dagli Stati Uniti all’Europa, lo yoga quest’anno è entrato nella classifica delle discipline più popolari al mondo.

Loaded Yoga: quando lo sport diventa rock

Dagli Stati Uniti all’Europa lo yoga mai come quest’anno è entrato nella classifica delle discipline più popolari al mondo. Fare yoga, attività millenaria, oltre che patrimonio dell’umanità, è ora di tendenza e anche chi è lontano dalla filosofia orientale ne è attratto.

Dopo anni di dominio di zumba, è ora il momento dello yoga ma per chi lo ritiene lento e noioso arriva ora, dalle palestre londinesi della catena Gymbox, il Loaded Yoga, ideale per chi desidera un allenamento più intenso. È un mix di yoga e pliometria con l’utilizzo di sovraccarichi con le carte in regola per diventare molto popolare, afferma la rivista Fitness Trend, attenta a tutte le novità mondiali del settore.

La nuova versione include l’utilizzo di cinghie da polso e da caviglia, tecniche di respirazione e una sequenza di esercizi ad alta intensità che convivono con la grazia dell’Anjali Mudra o del Marjaryasana.

Letteralmente “yoga caricato”, il Loaded Yoga è una nuova disciplina in cui il flusso Vinyasa (forma di yoga dinamico che, anziché prevedere l’esecuzione delle posizioni in una semplice successione, le fonde in un flusso) è abbinato alla pliometria (tipologia di esercizio che implica movimenti rapidi finalizzati allo sviluppo della potenza muscolare) all’utilizzo di sovraccarichi.

Nel propio sito web, Gymbox spiega che svolgendo questo allenamento, altamente efficace e faticoso, si lavora sulla respirazione, si rafforzano e tonificano i muscoli e si bruciano calorie. Ma avverte anche che non è per i deboli di cuore. Il Loaded Yoga, infatti, richiede impegno e concentrazione, è pensato per coloro che trovano lo yoga un po’ troppo soft per poterlo considerare un vero allenamento. Il club londinese avverte, inoltre, che per svolgerlo serve avere familiarità con le sequenze base dello yoga, pur non essendo necessario essere degli esperti.

Una volta steso il tappetino a terra, si comincia assicurando le cinghie con pesia a polsi e caviglie, quindi ci si riscalda prendendo confidenza con il carico aggiuntivo e si inizia a svolgere le sequenze. Ed è a questo punto che i muscoli iniziano a lavorare. La sfida che si raccoglie svolgendo Loaded Yoga non è solo portare a termine ogni esercizio, a prescindere dai pesi indossati, ma anche contrastare gli effetti che tali pesi hanno sulla postura e sull’equilibrio che, inevitabilmente, risultano difficili da mantenere a causa dello spostamento del proprio baricentro. Questa difficotà intensifica il lavoro muscolare e l’efficacia di ogni seduta.

Condividi con i tuoi amici su: