Come tutelare la propria privacy su internet?

Condividi con i tuoi amici su:

Sappiamo come proteggere la nostra privacy su internet? Ecco i consigli da seguire per non incappare nelle grinfie dei ladri informatici a caccia di dati e informazioni sulla nostra vita.

Come tutelare la propria privacy su internet?

Ormai tutti noi siamo consapevoli che per navigare in sicurezza sul web dobbiamo dotarci di alcune precauzioni. Un buon antivirus certo, evitare le email sospette, ovvio, e con il tempo abbiamo imparato a scaricare con accuratezza i vari file presenti in rete. Ma tutto questo può bastare?

Il tema della protezione della privacy su internet sui social è non solo di enorme attualità ma anche uno degli argomenti più importanti della nostra epoca in cui la rete è diventata strumento e mezzo quotidiano di comunicazione.

Mantenere intatta la nostra privacy su internet dev’essere una certezza quando siamo connessi, ecco allora alcune semplici mosse da mettere in pratica per evitare che i nostri dati possano essere intercettati e per diminuire il rischio sulla nostra tracciabilità in rete.

Utilizzate un motore di ricerca che non memorizza le ricerche effettuate. In questo modo non potrà né salvare i vostri dati, né condividerli con terze parti.

Attivate la protezione anti tracciamento presente in ogni browser.

Quando installate le applicazioni sul vostro smartphone, prestate attenzione alle funzioni che scegliete di attivare e non acconsentite l’accesso a dati o strumenti non strettamente indispensabili a garantirne la funzionalità: per esempio accesso alla rubrica, al microfono o fotocamera, alla geolocalizzazione,… .

Compilate, per esempio sui social, solo i campi strettamente obbligatori e necessari. Non pubblicate il vostro numero di telefono: i vostri amici sanno già come rintracciarvi!

Chiudete le applicazioni quando avete finito di utilizzarle. Oltre a consumare energia, infatti, alcune potrebbero “ascoltarvi” e trasmettere i vostri dati.

Sui social non accettate tra i vostri amici persone che non conoscete.

Inventate delle risposte alle domande di sicurezza. Indicazioni sul nome della propria madre o della città di nascita sono facilmente reperibili online.

Differenziate! Non usate i servizi di un unico player (come posta, mappe, video, social,…). Sarà così più difficile ricostruire precisamente il vostro profilo.

Mantenete spenti gli assistenti vocali quando non li usate: potrebbero “ascoltarvi”.

Non fate giochi online la cui provenienza non sia assolutamente certa. Spesso sono solo un modo per aver accesso alle vostre foto o informazioni.

Un ultimo avvertimento

I consigli che abbiamo elencato sopra possono aiutarti a proteggere in modo più efficace la tua privacy e la tua identità in rete, ma non sostituiscono il buon senso né ti rendono impune. Ciò che fai in internet rimane comunque una tua responsabilità.

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Ricarica in cassa: da oggi si potrà acquistare su Amazon anc... Con il servizio “Ricarica in cassa” sarà possibile ricaricare il proprio account Amazon anche in contanti e senza costi aggiuntivi. Ecco come! “Ma che bello questo prodotto: quasi quasi lo compro! Ah già, non ho soldi nella carta”. Quante volte vi è capitata una situazione del genere? Se non av...
Il fascino del vinile abbinato alla tecnologia più moderna Se siete amanti del vinile e del suo suono, il prodotto che stiamo per presentarvi non potrà non trovare posto nel vostro salotto. Bello alla vista e dalle linee minimaliste, Floating Record è un giradischi verticale. Funziona esattamente come i colleghi orizzontali solo che ha una pinza che ti...
Il caso Facebook-Cambridge Analytica: cosa diavolo sta accad... Facebook ha annunciato di aver sospeso la società Cambridge Analytica poiché ritenuta colpevole di aver violato le norme del social network relative alla raccolta e detenzione di informazioni degli utenti. Che Facebook raccolga i dati degli utenti è un segreto di pulcinella. Solo chi è in buona...
Compie 20 anni ICQ, pioniere delle chat Vent’anni fa il lancio di ICQ ideato da quattro studenti delle superiori: quella chat, anche se molto diversa, esiste ancora! Ai nostalgici non è difficile far spuntare quell’aria sorniona alla “io c’ero”, ma ci sono due cose che sortiscono l’effetto immediato: la prima è “Modem 56k”, e la seco...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio