Marketing Automation: attività di fidelizzazione del cliente

Marketing Automation: cos’è e quali sono i principali vantaggi per il tuo business?

Marketing Automation: attività di fidelizzazione

Per Marketing Automation si intende l’utilizzo di software specifici che automatizzano e semplificano attività ripetitive di marketing. Queste attività consentono di raccogliere numerose informazioni utili a profilare i contatti che hanno dimostrato interesse nei contenti proposti.

In un bacino di qualche miliardo di potenziali clienti, ovvero tutti coloro che nel mondo sono connessi al web, è importante trovare chi davvero è interessato ai nostri prodotti o contenuti. Una volta conquistato un cliente, bisogna fare grandi sforzi per soddisfare le sue aspettative.

I processi di Marketing Automation consentono a piccole e grandi organizzazioni di ottenere maggiore efficacia, controllo e misurazione delle attività di digital marketing in tempi più rapidi e con maggiore efficienza produttiva. Il Customer engagement successivamente, rappresenterà un’attività fondamentale per convertire nuovi contatti in reali clienti aziendali.

Le più diffuse piattaforme di marketing automation offrono una vasta gamma di funzionalità, prima fra tutte, la gestione delle attività di email marketing , come creazione e gestione di newsletter , schedulazione di invii focalizzati sui contenuti visitati dagli utenti, ottimizzazione e test di landing page e form di compilazione, tool per il design e la gestione dei contatti in base a cluster customizzabili.

Si potrebbe pensare che le piattaforme di marketing automation interessino solo alle grandi aziende: in realtà, ogni attività con processi di vendita e un mercato di riferimento particolarmente saturo, avrebbe bisogno di una strategia affidabile di automazione delle comunicazioni per la gestione dei contatti e la trasformazione in clienti acquisiti.

Cosa si può pianificare?

Le attività programmabili sono di vario tipo e abbracciano sia l’area marketing sia quella commerciale, andando ad incidere direttamente anche sulla fase di vendita.

Si parte dalle basi: si può stabilire che venga inviata un email di ringraziamento ad ogni nuovo contatto che scrive su di un form; o che vengano inviati gli auguri ogni anno ad un nostro cliente, o ancora che ad una determinata navigazione del nostro contatto attraverso un website, corrisponda una comunicazione via email specifica da parte dell’azienda.

Ecco qualche esempio delle attività che si possono intraprendere con una piattaforma specializzata:

  • Lead generation: generazione di una lista di contatti che hanno mostrato interesse nei confronti dei prodotti o dei servizi dell’azienda, con successiva segmentazione sulla base delle loro caratteristiche;
  • Lead scoring: ad ogni lead viene attribuito un punteggio per misurare il livello di interesse verso l’azienda e a ciascun valore è associata una comunicazione ad hoc;
  • CRM integrato: tutte le informazioni dei clienti reali e potenziali vengono accentrate in un unico grande database che si aggiorna automaticamente con i dati provenienti da diversi canali (social, form di contatto, email…). Il processo di automazione coinvolge anche l’inserimento di nuovi contatti nelle liste e la rimozione di quelli esistenti;
  • Email marketing: invio di email ai lead e ai clienti presenti nel database, in funzione del loro grado di engagement. Email diverse e personalizzate arriveranno sulla base di quanto è “caldo” il lead;
  • Content marketing: attraverso il software si possono creare, editare e condividere tutti quei contenuti multimediali che rappresentano il cuore delle campagne;
  • Social media Marketing: gestione degli account aziendali sui social media;
  • Misurazione e reportistica: il software (per esempio Google Analytics) offre la possibilità di tracciare e analizzare le attività in modo preciso e dettagliato, avendo sempre sotto controllo l’andamento delle campagne.

La chiave di volta del marketing automation non è vendere ma nutrire le relazioni

Le strategie, i metodi e le tecnologie attuali permettono di creare contenuti personalizzati per ogni contatto in base ai suoi comportamenti.

Consentendo di targetizzare ancora di più i contatti e fornendo loro le informazioni necessarie nel momento stesso in cui le stanno cercando.

Questo darà al vostro potenziale cliente la sensazione di non essere all’interno di una lista infinita di contatti ma di avere di fronte una vera e propria controparte con cui condividere idee.

La creazione dei giusti contenuti è un passaggio chiave, senza ciò la strategia di marketing automation non otterrà i risultati sperati: secondo alcune ricerche infatti, il principale ostacolo sarebbe proprio la mancanza di contenuti di qualità (40%).

I contenuti devono avere un obiettivo comune, devono raccontare delle storie che interessino ai contatti e che li spingano a compiere delle azioni al fine di poterle monitorare.

Condividi con i tuoi amici su: