Usare internet consapevolemente

Condividi con i tuoi amici su:

Usare internet in sicurezza: perché internet ci trasforma in mostri sanguinari?

Usare internet consapevolemente

Sulle abitudini dei troll sono stati scritti libri, sono stati interpellati sociologi, psicologi, esperti di comunicazione. Si è molto discusso per esempio di I giustizieri della rete. La pubblica umiliazione ai tempi di internet, il saggio del giornalista britannico Jon Ronson.

Può la sete di giustizia scatenare una reazione mille volte più violenta dei comportamenti che vorrebbe censurare? E quale giustizia è quella che agisce rispolverando l’antico strumento della gogna? Questi sono gli interrogativi sollevati da Ronson, quando ricostruisce il caso di Justine Sacco, la responsabile della comunicazione di una grossa azienda statunitense che, in seguito a un tweet razzista inviato dall’aeroporto di Heathtrow prima di imbarcarsi per il Sudafrica, si ritrovò in pochi giorni licenziata e con la reputazione fatta a pezzi al livello planetario.

Justine Sacco aveva solo 170 followers. Tuttavia il suo tweet diventò virale in sole poche ore mentre era in volo verso Città del Capo. I messaggi contro di lei avevano alimentato un gorgo di insulti sempre più furibondi, selvaggi, scomposti, risentiti. La voce di una persona contro quella di migliaia. E anche se il tweet che aveva innescato la gogna era particolarmente odioso e stupido (“Sto andando in Africa. Spero di non prendere l’aids. Sto scherzando. Sono bianca!”), la stupidità della tempesta che ne è seguita è stata addirittura superiore.

Il problema – parafrasando Giorgio Gaber – non è il troll in sé, ma il troll in me.

Non solo le punizioni che i volenterosi censori auspicavano per la “colpevole” rischiavano di far passare per moderati i vecchi boeri favorevoli all’apartheid, ma la paradossalità di certi ragionamenti risultava disarmante. Avete presente quei pacifisti che si proclamano tali quando affermano di voler vedere morire chi è a favore della pena di morte?

Il problema, fa notare Ronson, è che in questi casi il troll assetato di sangue non veste i panni del nazista ma del bravo democratico in lotta per una giusta causa. Non è un disoccupato che la notte esce di casa alla ricerca di immigrati da incendiare, ma una tranquilla professoressa di liceo che si reca ogni mattina a scuola. Non ha il poster di Anders Breivik nella cameretta ma sfoggia un primo piano di Martin Luther King come immagine del suo profilo Facebook.

Mentre al troll attribuiamo erroneamente una personalità stabile – un essere ributtante 350 giorni all’anno – qui si tratta di gente “normale” che ogni tanto perde il lume della ragione. Così, meglio parlare di dottor Jeckyll e mister Hyde 2.0.

Un essere umano altrimenti frequentabile diventa all’improvviso un concentrato di stupidità e violenza. A un certo punto, lo sorprendiamo mentre si aggira nei labirinti telematici con la bava alla bocca e una pietra stretta in mano. Subito dopo la trasformazione, tutti i comportamenti del mister Hyde 2.0 fanno presumere che egli sia felice che il lapidato abbia commesso un errore, che abbia detto o fatto ciò che secondo lui giustifica il lancio delle pietre. È felice, per esempio, che Justine Sacco abbia scritto il tweet razzista. Non aspettava altro, perché questo lo fa sentire libero di brandire la clava, di bere il sangue del nemico sollevando con due mani la coppa ricavata dal suo teschio.

La violenza è contagiosa. Più è stupida, più è virale. Ecco che a ogni retweet, a ogni condivisione, a ogni endorsement della propria follia omicida, il mister Hyde 2.0 si sente sempre più galvanizzato, più protetto, più giusto, più puro. Non importa che l’escalation di violenza raggiunga vette sempre più vertiginose. Non importa neanche se la clava è travestita da fioretto. I più scaltri tra i mister Hyde 2.0 (basti pensare a ciò che accade nell’ambiente letterario) travestono di raffinato sarcasmo un’energia che, gratta e gratta, ha la stessa primitiva brutalità di chi ti insulta.

Se il mister Hyde 2.0 si ritrovasse quel “colpevole” davanti nel mondo reale, non riuscirebbe a essere così violento. Il maleficio della regressione svanirebbe all’istante. Da una parte scatterebbe un antichissimo meccanismo inibitorio legato all’altrui e alla nostra fisicità (se insulto brutalmente chi mi sta di fronte, quello può arrabbiarsi e farmi male), dall’altra, si attiverebbe al tempo stesso un dispositivo più moderno e altrettanto salvifico: quello legato all’empatia, la consapevolezza che chi ci sta di fronte soffre e sanguina proprio come noi. Di conseguenza, se lo insultiamo con assoluta mancanza di pietà, nel suo sguardo ferito riconosciamo la nostra ferita potenziale, il nostro diritto a non essere calpestati in quel modo.

Come in tutti gli spettacoli in cui ci si eccita davanti ai bagni di sangue altrui, qualcuno ci guadagna. Si paga un biglietto d’ingresso, ci sono degli sponsor, in certi giorni l’incasso è consistente. Ma quanto consistente? Se si trattasse di un incasso favoloso? E chi ne beneficia? Di certo non i lapidati. Ma neanche il pubblico, né i volenterosi mister Hyde 2.0, che a quanto pare potrebbero essere i servi sciocchi di tutta la faccenda.

Così la vera domanda è: tenendo conto dei privilegi offerti dal migliore dei mondi possibili – libertà d’espressione, gratuità, istantaneità, capacità di raggiungere persone lontane in un battito di ciglia – quali mondi non stiamo esplorando e quali possibilità ci stiamo precludendo comportandoci come i pazzi sanguinari che non aspiriamo a essere? Che cosa, in fin dei conti, stiamo perdendo nel non usare internet per evolverci?

A cura di Nicola Lagioia

Condividi con i tuoi amici su:

Articoli interessanti

Robot casalingo per ogni mansione Giardinaggio, aiuto domestico, pulizie: esiste un robot per ogni mansione. Non siamo in un romanzo di fantascienza, scopri quali robot possono aiutarti a vivere meglio già da oggi. Lavorano in fabbrica, giocano a calcio, fanno le guide negli ospedali giapponesi o, in alcuni casi, fungono da ani...
Google Toilet Locator: il servizio per trovare un bagno puli... È partito da Nuova Dehli il nuovo esperimento di Google, che ha messo a punto un tool che non lascia spazio alla fantasia: Google Toilet Locator. Trovare una toilette pulita e funzionante in una metropoli che ha oltre 20 milioni di abitanti può essere una vera impresa. E spesso non hai molto te...
Spotify lancia il nuovo abbonamento annuale: 12 mesi al cost... Il clima natalizio contagia Spotify: solo per dicembre, l’abbonamento annuale a Premium costerà “appena” 99€! Con oltre 140 milioni di utenti, Spotify è il servizio di streaming musicale più diffuso al mondo. Disponibile in versione free, solo con la versione Premium è possibile sbloccare tutte...
Ricarica in cassa: da oggi si potrà acquistare su Amazon anc... Con il servizio “Ricarica in cassa” sarà possibile ricaricare il proprio account Amazon anche in contanti e senza costi aggiuntivi. Ecco come! “Ma che bello questo prodotto: quasi quasi lo compro! Ah già, non ho soldi nella carta”. Quante volte vi è capitata una situazione del genere? Se non av...

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL NETWORK.

È sufficiente un solo click!!

NEWSLETTER

 

Ricevi nella tua casella di posta elettronica i contenuti più interessanti!

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato!

* Questo campo è obbligatorio