Categorie
Artigianato

Il futuro dell’artigianato è ecodesign: scopri alcuni interessanti progetti

Riciclo artigianale tra arte ecosostenibile ed ecodesign: ecco i progetti più affascinanti.

Il futuro dell’artigianato è nell ecodesign: scopri alcuni interessanti progetti
Rispetto della natura, nuove tecnologie e nuovi materiali sono il futuro dell’ecodesign.

La crescente attenzione verso il riciclo sta portando l’artigianato verso la creazione di un numero sempre più alto di progetti di ecodesign.

Riciclare è un’abitudine da applicare quotidianamente per rispettare al meglio l’ambiente. In ogni settore dobbiamo, infatti, implementare una cultura del riutilizzo dei materiali di scarto o da buttare, che diventano risorsa.

Nasce quindi la volontà di concepire nuove metodologie con cui realizzare beni di ogni genere, 100% naturali. Queste hanno iniziato a diffondersi prima tra i piccoli artigiani, per poi essere utilizzate anche da industrie impegnate nel settore dell’oggettistica e del design.

Cos’è il design ecosostenibile

progetti ecodesign

Rispetto della natura, nuove tecnologie e nuovi materiali sono il futuro dell’ecodesign (o natural design).

Questo termine indica un nuovo modo di concepire la produzione e l’artigianato. Se da una parte deve soddisfare gli standard commerciali, dall’altra riduce sensibilmente gli effetti deleteri per l’ambiente. Questo viene assicurato col riciclo, che nel mondo del design diventa arte e creazione artistica per dare vita ad oggetti sostenibili.

Idee di ecodesign

Ecco una selezione di progetti green che si inseriscono in quell’economia circolare che può (e deve) diventare il nostro futuro.

Gli scarti che diventano preziosi: Slash Objects

Slash Objects

Lo studio di design newyorkese Slash Objects propone una serie di vassoi per la tavola che utilizzano la gomma riciclata di recupero. La superficie ovale, gommosa, è delimitata da una cornice in ottone lucido.

L’alternativa vegana alla pelle – Adriano di Marti

Adriano di Marti

Gli accessori e gli indumenti in pelle, che da sempre sfruttano un eccessivo numero di risorse che va a incidere sull’ambiente e sull’uso massiccio dei prodotti animali, risultano essere fra i primi posti nelle classifiche delle vendite dell’industria dell’alta moda. Così due imprenditori americani, Adrián López Velarde e Marte Cázarez, fondatori del brand Adriano Di Marti, si sono adoperati per cercare un’alternativa.

Hanno quindi pensato di trasformare i cactus, che crescono in abbondanza nello stato messicano di Zacatecas, in una pelle vegana molto simile alla pelle animale, inserendola nella collezione Desserto.

Condividi con i tuoi amici su: