Categorie
Tecnologia

Perchè i bus di Londra viaggiano col biodiesel al caffè

L’iconico autobus rosso di Londra funziona con il biodiesel al caffè. Da novembre 2017, un olio biologico prodotto dagli scarti del caffè viene utilizzato su alcuni bus gestiti da Transport for London.

I bus di Londra viaggiano col biodiesel al caffè

La questione della riduzione delle emissioni è un tema molto discusso negli ultimi anni e l’utilizzo di autobus alimentati col biodiesel al caffè è un modo originale per combattere l’inquinamento.

Biodiesel al caffè: la tecnologia a sostegno dell’ambiente

Città più popolosa del Regno Unito, Londra è nota per la sua scarsa qualità dell’aria. È inoltre dimostrato che essa causa direttamente migliaia di morti ogni anno.

Proprio per questo motivo si è deciso di mettere in pratica metodi sempre più verdi e sostenibili. L’ultima proposta è di avviare una collaborazione con bio-bean, azienda specializzata nella creazione di combustibile pulito ricavato dagli scarti del caffè. Riciclando i fondi di caffè raccolti in tutto il Regno Unito, l’azienda ha presentato il primo biodiesel al mondo derivato dal caffè: un contributo considerevole e sostenibile per i futuri sistemi di trasporto.

Anche se l’olio a base di caffè sprigiona un forte odore, una volta lavorato, distillato e miscelato con gasolio minerale, l’aroma scomparirà completamente.

Come il caffè si trasforma da rifiuto a risorsa

I londinesi consumano circa due o tre tazze di caffè al giorno, che si trasformano in circa 200.000 tonnellate di fondi usati all’anno. Questi di solito finiscono nei rifiuti generici delle discariche: ora diventano un’importante risorsa nella lotta contro l’inquinamento.

Riciclando i fondi di caffè, il bio-chicco genera biocarburanti avanzati a impatto zero che possono sostituire i combustibili fossili nocivi e ridurre drasticamente le emissioni di CO2.

L’iniziativa di bio-bean di riciclare i rifiuti di caffè in biocarburanti sta attraendo sempre più aziende e organizzazioni attente alla questione ambientale. Un trend che si spera diventi un’abitudine consolidata, non solo nei trasporti, ma anche, come sta accadendo sempre più spesso, nella moda.

Condividi con i tuoi amici su: