Categorie
Lifestyle

Condominio 25 verde, il palazzo foresta in centro a Torino

Condominio 25 verde è un esempio di architettura urbana e sostenibile made in Italy.

condominio 25 verde
Tra le iniziative sostenibili nel mondo non si può non citare il condominio 25 Verde, il primo edificio foresta.

A Torino, a pochi passi dal Parco del Valentino e dal Po, in uno dei quartieri più animati e centrali della città, si trova Condominio 25 verde.

Una struttura residenziale pensata per arricchire di verde la città e che unisce sostenibilità ed ingegno creativo.

Rappresenta il primo esperimento di bio architettura eco sostenibile in città su progetto di Luciano Pia. Questo tipo di pratica architettonica rispetta i principi della sostenibilità ed ha come obiettivo l’instaurazione di un rapporto equilibrato tra l’ambiente e il costruito. In questo modo si soddisfano i bisogni delle attuali generazioni senza compromettere, con il consumo indiscriminato delle risorse, quello delle generazioni future. Assieme al Bosco verticale di Milano è considerato uno dei più importanti esempi di integrazione del verde con l’architettura.

La sua storia

condominio 25 verde storia

Il progetto nasce nel 2007 e l’intera costruzione è concepita come una sorta di foresta abitabile, una casa sugli alberi come quella che tutti i bambini sognano e, talvolta, costruiscono. Ha delle strutture in acciaio simili agli alberi di una foresta, piante che immergono le loro radici in terrazzi dai profili irregolari, specchi d’acqua attraversati da passerelle. E sui tetti, rigogliosi giardini dai quali ammirare i cieli stellati.

Una delle principali particolarità del Condominio 25 verde è proprio la sua irregolarità. Non c’è nulla di identico e tutto è unico nel suo genere, proprio come accade in natura. La struttura occupa un’area di 7.500 mq e ospita complessivamente 63 unità abitative, tutte dotate di 2 terrazzi ciascuna. La presenza di 150 alberi ad alto fusto costituisce un microclima che conferisce un apporto di ossigeno quantificabile in 150 litri all’ora, in grado di assorbire anidride carbonica e filtrare le polveri sottili.

Un importante impatto eco sostenibile

L’efficienza energetica è raggiunta grazie a numerose soluzioni come le pareti ventilate, la protezione dall’irraggiamento solare diretto, l’isolamento a cappotto e l’utilizzo di impianti di riscaldamento e rinfrescamento che utilizzano l’acqua di falda. Neanche l’acqua piovana viene sprecata: la sua raccolta è infatti destinata all’irrigazione del verde condominiale.

Condividi con i tuoi amici su: