Categorie
Arte

Dipinto sconosciuto di Canova: la doppia vita di un ritratto

Un’opera si nasconde sotto l’autoritratto del Canova scultore. Andiamo a scoprire di cosa si tratta.

Dipinto sconosciuto di Canova: la doppia vita di un ritratto
Museo Gypsotheca Antonio Canova si trova a Possagno in provincia di Treviso. Qui si possono trovare le opere di Canova, dalle più famose ai dipinti rari della carriera dello scultore.

Un dipinto sconosciuto di Canova si nasconde sotto un altro suo dipinto. È così che Antonio Canova ci sorprende ancora a distanza di secoli.

Dipinto sconosciuto di Canova: chi sono le due figure misteriose.

“L’autoritratto da scultore” , firmato e datato 1799, nasconde due figure che è stato possibile vedere solo grazie all’indagine radiografica.

Quello che è chiaro nella radiografia, dato che ad occhio nudo erano praticamente invisibili, è che si tratta di due teste.

Probabilmente il Canova ha voluto riutilizzare una vecchia tela appartenente a suoi lavori precedenti di stile classico per dipingerci ex novo il suo più recente “Autoritratto da scultore”.

Moira Mascotto, direttrice del Museo Canova di Possagno, afferma che tale scoperta può rappresentare un ulteriore passo in avanti per la conoscenza del Canova pittore.

Museo Canova di Possagno.

Il Museo Canova si trova a Possagno, in provincia di Treviso, e da sempre ha l’obbiettivo di valorizzare e conservare l’opera del Canova. Svolge inoltre attività di ricerca oltre a divulgare la conoscenza dell’artista e delle sue opere.

La scoperta di questo dipinto sconosciuto di Canova, celato sotto l’autoritratto da scultore, rappresenta un importante segnale di ripresa per un settore particolarmente messo in crisi dalla pandemia.

Dipinto sconosciuto di Canova: 2022, nuovi viaggi per Canova.

In occasione del bicentenario della morte dell’artista la Gypsotheca ed il comune veneto saranno al centro del palcoscenico internazionale grazie ad una serie di mostre ed appuntamenti che faranno il giro del mondo.

Cominciando da aprile 2021 con la mostra che mette in dialogo l’opera di Canova con quella di Caravaggio. Seguirà verso fine 2021 la mostra che lo metterà invece a confronto con i contemporanei attraverso l’opera di sette giovani artisti viventi che si ispirano alla scultura classica.

Dipinto sconosciuto di Canova: la doppia vita di un autoritratto
Paolina Borghese come Venere vincitrice è una scultura neoclassica di Antonio Canova, eseguita tra il 1804 e il 1808 ed esposta alla Galleria Borghese di Roma.

Le attività del 2022 in occasione del bicentenario saranno tutte principalmente in Italia. A seguire, per il 2023 inizierà un “world tour” che prevede tappe a Tokyo, Singapore, Seul e l’Eremitage.

Per concludere l’arte è un patrimonio da preservare sempre. Custodisce la bellezza e la memoria di civiltà passate e di culture ed è per questo che il restauro è una questione di vitale importanza.

Condividi con i tuoi amici su: